Incontro vescovo-rabbino grazie al Dramma Popolare

Vescovo e rabbino s’incontrano per la prima volta sotto la Rocca grazie al Dramma Popolare di San Miniato. Un incontro che si colloca sulla strada del dialogo interreligioso quale via maestra per la pace tra i popoli in un periodo in cui, con i massacri in Siria e in Medio Oriente, il pericolo dell’Isis, l’arrivo dei migranti e i recenti episodi di intolleranza e antisemitismo in Europa, è diventato una priorità.

Proprio il dialogo e l’importanza della reciproca comprensione fra ebrei e cristiani è stato il leit motiv dell’incontro – davanti a centinaia di studenti all’auditorium Carismi – tra il vescovo Andrea Migliavacca e Crescenzio Efraim Piattelli, rabbino capo di Siena, promosso dalla fondazione istituto del Dramma Popolare guidata da Marzio Gabbanini. Presenti il sindaco Gabbanini e i consiglieri regionali Pieroni e Nardini. Ne è scaturito un confronto intenso – aiutato e smorzato dalle domande dei ragazzi – nel quale il rabbino ha ripercorso, anche con parole dure, il difficile rapporto tra ebraismo e chiesa cattolica, concludendo però nell’importanza – riconosciuta da entrambe le parti – di valorizzare le radici comuni, nell’interesse del dialogo e della pace nel mondo.
Il rabbino ha anche ricordato il genocidio degli ebrei, il dramma dei ghetti, la persecuzione che ha subito il suo popolo sparso nel mondo e che in Italia era presente dal tempo dei romani. E dalle cose comuni è iniziata l’analisi del vescovo Migliavacca che ha sottolineato come il cristianesimo derivi dall’ebraismo, abbia radici ebraiche e può essere compreso soltanto tenendo presente tale contesto. “Parliamo che di ciò che ci unisce”, ha detto il vescovo suonando tutte le corde che possono essere artefici dell’armonia del dialogo: dall’amore alla visione di un Dio che va oltre i rigidi schemi e le mura erette dalle genti per abbracciare tutto e tutti. Una visione che racconta, quindi, un’unica storia dell’alleanza tra Dio e il suo popolo: oltre le diversità, in nome della fratellanza, l’amicizia, la solidarietà.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.