Lineapelle, 198 concerie toscane tra i 1300 espositori

Ci saranno 1306 espositori, 372 italiane e 198 dei quali concerie toscane. Lineapelle sarà a Milano dal 25 al 27 settembre. Tra attesa e cauto ottimismo, quelli che si aprono domani saranno tre giorni strategici per il settore e per una fetta importante dell’economia toscana: con le sue 500 aziende, per circa 6mila lavoratori e con un fatturato annuo medio di 2 miliardi 400 milioni di euro, l’industria conciaria toscana attende ora segnali importanti dalla tre giorni di Milano.

Tra i padiglioni in mostra, le aziende made in Tuscany proporranno come di consueto il meglio delle innovazioni moda per le prossime stagioni del fashion con l’obiettivo di confermare il dialogo con i clienti più esigenti del comparto, tutti presenti all’appuntamento di Milano. Che in questa edizione è più che mai articolato offrendo ai visitatori spunti su tutto quanto è l’indotto della pelle, dalle nuove tecnologie impiegate in azienda alla sostenibilità ambientale, tra i temi che verranno approfonditi nel corso dell’evento. La conferenza “Impronta ambientale di prodotto”, in programma mercoledì 26, vedrà ricercatori impegnati in studi sulla tracciabilità dei prodotti confrontarsi con imprenditori conciari sull’importanza di valorizzare l’impronta ambientale nella filiera della pelle.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.