Quantcast

Cinema di don Terreni, Capanne in festa dopo i lavori

Nascosto sotto il telo azzurro legato al terrazzo del primo piano è comparso il nome di don Enzo Terreni, impresso sulla facciata per celebrare l’indimenticato parroco che ha dedicato la propria vita a Capanne e alla sua ‘giovane’ parrocchia. Un omaggio, un segno di ringraziamento impresso sull’edificio che, da più di 50 anni, è il punto di riferimento di tante attività ricreative e associative del paese.

Da questa mattina (30 settembre) il cinema teatro di via Fonda sarà per sempre legato al nome del parroco che lo aveva inaugurato alla metà degli anni ’60. Un’intitolazione voluta dal suo successore, don Fabrizio Orsini, insieme al Consiglio parrocchiale, per celebrare la conclusione dei lavori che hanno dato un nuovo volto all’interno e all’esterno dell’edificio. Un nuovo intonaco e un’inedita tinteggiatura caratterizzano le mura e l’aspetto della struttura, arricchita anche da nuovi impianti a norma e da un impianto di illuminazione capace di ‘avvolgere’ da cima a fondo gli oltre 200 posti della platea. A scoprire il nome di don Terreni impresso sulla facciata, insieme a don Orsini, sono stati il sindaco di Montopoli Giovanni Capecchi e il vescovo di San Miniato don Andrea Migliavacca, arrivato a Capanne fin dalle 11 per la messa che ha preceduto l’inaugurazione. Tante le persone accalcate per l’occasione nella piazzetta di fronte all’edificio, all’angolo tra via Nazionale e via Fonda. Dopo il taglio del nastro, il nuovo cinema ha aperto finalmente le sue porte, scoprendo nell’ingresso anche una targa di marmo dedicata a don Terreni e il busto firmato dall’artista Antonio Bianco. Una festa per il paese e per la sua comunità parrocchiale, che ha inaugurato la giornata più importante dell’annuale festa della Madonna del Buon Viaggio.
Festa che proseguirà nel pomeriggio, a partire dalle 15, con l’esibizione della Montesina lungo via Nazionale, insieme ai banchi e alle attrazioni di piazza Vittorio Veneto, in attesa dell’immancabile lancio dei palloncini di fronte alla chiesa di San Giuseppe. In serata, come da tradizione, la processione con l’immagine della Madonna per le strade del paese, seguita alle 23 dai fuochi d’artificio. (g.p.)

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.