Distretto a EcoMondo, “crescita sana e responsabile”

C’è da ieri 6 novembre e ci sarà fino al 9. Il distretto conciario toscano è a Ecomondo, evento internazionale di riferimento per tutto quanto attiene ad economia circolare e sviluppo industriale sostenibile a Rimini. Domani 8 novembre, nel workshop sulle attività ecocompatibili dei distretti industriali dell’area mediterranea, presenterà il percorso Emas, l’impegno al continuo miglioramento ambientale.

Tra gli interventi previsti c’è quello di Marco Cavallini per l’Associazione Conciatori, nell’ambito di “Sustainability approaches for clusters in the Mediterranean”, confronto tra esperienze di diversi Paesi e settori merceologici, dalla manifattura all’ecodesign, dai consumi energetici alla depurazione, dalla Spagna all’Italia.
Oggi quello toscano è l’unico distretto conciario italiano che ha l’attestato di “soggetto promotore Emas”, strumento promosso a livello di Comunità europea per valorizzare pratiche improntate a responsabilità ambientale. Sempre nel distretto toscano c’è la prima conceria italiana che ha ottenuto la registrazione Emas (la conceria Incas di Castelfranco di Sotto) e la gestione delle tematiche ambientali è il valore aggiunto delle aziende del comparto.
“Dal riuso di materiali di scarto – spiegano dal Distretto – allo studio di processi industriali sempre meno impattanti passando per un sistema di depurazione delle acque talmente efficiente da essere diventato il fulcro del riassetto idrico di un’intera area della Toscana, il distretto conciario toscano sintetizza in pieno il modello dell’economia circolare in grado di razionalizzare al meglio l’uso delle risorse. Un valore aggiunto per il settore della concia, considerato circa 20 anni fa un comparto saturo e oggi invece risorsa vitale per l’economia toscana, con un fatturato annuo medio di 2miliardi e 400 milioni di euro e con il merito di aver fatto di un’attività potenzialmente impattante un modello di integrazione tra industria ed ecosistema. Nel corso di Ecomondo verranno illustrati gli investimenti in atto con cui la concia toscana sta affrontando le nuove sfide per una crescita sana e responsabile”. 

 

Leggi anche Cuoio fa soffrire l’export: brusca frenata in Oriente

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.