Santa Croce sull’Arno, riconoscimenti per otto donne foto

Otto donne per l’8 marzo a Santa Croce sull’Arno. Un incontro, quello che si è svolto oggi (9 marzo) in Comune per celebrare la giornata internazionale delle donne.

Davanti ad una sala consiliare gremita, il sindaco Giulia Deidda ha inaugurato l’incontro ed ha dichiarato: “La celebrazione dell’8 marzo è sempre di più un’occasione per riflettere sul ruolo della donna nella società e sulle pari opportunità sociali ed economiche riservate al genere femminile. Come amministrazione negli ultimi anni abbiamo utilizzato questa occasione per organizzare incontri, convegni e momenti di condivisione fra donne ed abbiamo lavorato con continuità per le pari opportunità, per contrastare la violenza di genere e per la tutela della salute femminile. Il ruolo delle donne è profondamente cambiato negli ultimi anni e molti diritti sono stati acquisiti in campo sociale ed economico, ma resta ancora tanto da fare per raggiungere una vera parità di genere. Con la cerimonia di oggi vogliamo rendere omaggio ad alcune concittadine santacrocesi che hanno avuto riconoscimenti per la propria attività o che si sono distinte per il proprio impegno in campi differenti e rappresentano, quindi, un esempio di eccellenza per tutta la comunità”.
Al momento del conferimento dell’omaggio sono state chiamate le donne invitate, che hanno ritirato commosse un attestato con le motivazioni, una targa ed un omaggio floreale. Ecco l’elenco de riconoscimenti.
Bazin Laboratorio, selezionato dalla Fondazione Robert F. Kennedy Human Rights Italia, “per l’impegno e la capacità di realizzare un progetto di inclusione sociale e di integrazione attraverso creazioni di alta qualità e unicità”, Sarah Cambi “per la sincera dedizione e per l’impegno ancora vivo e tenace al servizio degli altri, con la grande capacità di ascoltare il disagio e la sofferenza”, Valentina Cantini “per la sua capacità di guidare ed essere parte di una squadra vincente, comunicando il valore della coesione e dell’impegno propri dello sport”. Un attestato è stato consegnato anche alla squadra S.B.Cheer e Dance, di cui Valentina è allenatrice e atleta, che con una propria rappresentanza ha partecipato ai campionati del mondo di cheerleading di Orlando nel 2017 classificandosi al decimo posto, per i numerosi successi agonistici e per la capacità di unire dinamismo ed eleganza nelle loro spettacolari prestazioni sportive. Alessandra Gozzini “per la forza interiore che l’ha sorretta e per la capacità di mettere la propria sofferenza al servizio degli altri sostenendo la ricerca”, Azzurra Gronchi, che ha vinto l’ottava edizione del contest Alfredo Ramponi, per la sua capacità di unire tradizione, fantasia e creatività rappresentando col suo lavoro il vero spirito del Made in Italy, Fedora Guerrieri, la “Mirella” dei santacrocesi, che per oltre sessanta anni è stata un punto di riferimento per le mamme e i bambini del territorio, un compito che ha svolto con estrema professionalità e profonda umanità, Lodovica Rebechi, che con l’opera Le tourbillon del l’ame ha ricevuto un riconoscimento al concorso d’arte contemporanea International Prize Roma Caput Mundi organizzato dalla Serradifalco Publisher Entertainment, per il debutto artistico che prepara una carriera di successo e per la capacità di raccontare con l’arte sensazioni ed emozioni, le Suore del Monastero per il coraggio e l’amore con cui portano avanti l’insegnamento di Santa Cristiana e per il prezioso ruolo educativo da loro svolto per la nostra comunità in cui rappresentano un irrinunciabile punto di riferimento di fede e carità.
Concludendo l’iniziativa l’assessore alle Pari opportunità Carla Zucchi ha dichiarato: “Avremmo certo potuto fare un elenco più lungo di figure femminili a cui rendere omaggio e intendiamo fare dell’iniziativa di oggi una bella consuetudine per dare visibilità a tante altre nostre concittadine meritevoli. Le  donne che abbiamo invitato a questa cerimonia sono eccellenze della comunità santacrocese e ci rendono orgogliosi del loro operato; sono tra loro molto diverse per età, esperienze, campi di interesse e di impegno, ma sono accomunate da coraggio, perseveranza, dedizione, che sono qualità che  distinguono le donne in tanti settori. Si tratta di un riconoscimento che non aggiunge nulla al loro valore, ma che ci è sembrato doveroso e indicativo dell’attenzione che riserviamo alle nostre concittadine e siamo noi oggi a ringraziare loro per una presenza che ci onora e per quello che hanno dato e che daranno alla collettività”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.