Tesi incassa l’appoggio di Fi, centrodestra diviso

di Nilo Di Modica

Forza Italia a Montopoli, dopo una settimana di passione, scioglie i nodi e appoggia la candidatura di Massimo Tesi con la sua lista Centrodestra per Montopoli

E’ questa la novità con la quale il dottore ha deciso di aprire, anche fisicamente con l’inaugurazione della nuova sede del comitato elettorale lungo la Tosco Romagnola, una campagna che sia lui che i tanti forzisti presenti alla serata hanno voluto iniziare evocando uno spettro, anzi un comune, anzi un modello: Santa Maria a Monte.

A fare un palese parallelismo fra la Montopoli che si avvia ad andare alle elezioni ed il comune guidato da Ilaria Parrella, dove lo scorso anno la Lega si ritrovò ad un angolo, terza classificata alle urne, dopo la rottura con la coalizione di Forza Italia e centristi (oltre che Socialisti), è stata Manuela Del Grande, presente alla serata insieme a Tesi e al coordinatore forzista di Montopoli Marco Terreni. “Stimo e conosco da tempo Massimo. Spero che a Montopoli si faccia lo stesso lavoro fatto a Santa Maria a Monte” ha detto la vicesindaca e membro del comitato provinciale di Forza Italia. “Per essere vincenti serve onestà, serve esperienza, servono le facce ed i simboli, per quanto forti a livello nazionale, non bastano. Ecco perché è sbagliato dividersi. Sì sarebbe dovuto rappresentare il centrodestra, tutto il centrodestra, allora perché dividersi? Perché fare liste di disturbo come a Santa Maria a Monte per cavalcare l’onda di un Salvini che qui a Montopoli non c’è?”. 

Un caso, quello di Montopoli, scoppiato una settimana fa, quando il sostegno di Forza Italia al candidato della lega Silvia Squarcini era sfumato nel giro di 24 ore, dando l’opportunità a Tesi di lanciare la sua candidatura, che presto sarà declinata in una lista ancora da presentare. Uno scenario che al momento sembrerebbe aiutare il sindaco Giovanni Capecchi, anche se il silenzio eccessivamente prolungato della lista civica di Damiano Carli Progetto Montopoli, che secondo i malpensanti sarebbe tentata dall’alleanza con Tesi, potrebbe ribaltare ancora una volta gli equilibri e rimettere, a quel punto si, la Lega in un angolo come avvenuto proprio a Santa Maria a Monte, con la sola complicità di Fratelli d’Italia. 

“Sono fiero di dove siamo arrivati fino ad oggi – ha dichiarato Tesi di fronte ai suoi sostenitori – perché lo faccio grazie soprattutto ai giovani che mi circondano e mi daranno una mano in questa vventura, sconfiggendo l’ignoranza politica e amministrativa di partiti che non cito nemmeno, per non fare loro pubblicità. Sto dicendo già ai cittadini che forse li salveremo da gente che non sarebbe comunque in grado di amministrare, facendo né più né meno ciò che hanno fatto in questi decenni coloro che hanno ininterrottamente governato il comune. Ci sono idee qui, competenze, passione. Se dovessimo vincere le spenderemo. L’ errore che fanno sempre tutti è non capire che queste non sono elezioni politiche o europee. Dicono tutti: staremo fra la gente…e ora dove eravate tutti?! Io fra la gente ci sono già, da 50 anni. Abbiamo il compito di cambiare tutto”. 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.