Doveva scontare una pena per spaccio, in manette

Doveva essere in carcere per reati commessi nel 2009, ma R.N., 36enne di origine marocchina è stato rintracciato nella zona delle Botteghe a Fucecchio. I carabinieri lo hanno così arrestato in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso sette anni fa dal tribunale di Lucca per reati inerenti alla droga.

Durante i controlli i carabinieri hanno notato l’uomo e, insospettiti, hanno proceduto al controllo. I militari hanno subito notato che qualcosa nei documenti non andava: sul permesso soggiorno erano assenti alcuni elementi identificativi e c’erano alcuni errori di scrittura. Inoltre, per quanto riguarda il passaporto marocchino, i dati arabi non coincidevano con quelli italiani.
Il 36enne è stato condotto in caserma alla compagnia di Empoli per la fotosegnalazione e per scoprire le vere generalità ed è emerso che il soggetto doveva scontare una pena residua di due anni e 11 mesi per spaccio di stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale, commessi in provincia di Lucca nel 2009.
Il provvedimento era stato emesso nel 2012 e il nordafricano, per 7 anni, anche grazie ai documenti falsi, era riuscito a farla franca. Ieri sera, però, la scrupolosità dei carabinieri di Fucecchio ha permesso di smascherarlo. L’uomo è stato condotto al carcere di Firenze dove adesso dovrà scontare la pena. Al tempo stesso a suo carico sarà aperto un nuovo procedimento penale per il possesso dei documenti falsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.