Spaccio alle Cerbaie, blitz dei carabinieri all’alba

Più informazioni su

Hanno rastrellato i boschi e pattugliato le strade delle frazioni per individuare spacciatori di droga e acquirenti, con la supervisione dall’alto dell’elicottero. Dall’alba di questa mattina 12 luglio, ben 25 militari e 8 mezzi dei carabinieri della compagnia di Empoli, supportati da personale della compagnia intervento operativo del Battaglione di Firenze e da un elicottero del Nucleo Elicotteri di Pisa, hanno svolto un servizio di controllo dell’area boschiva delle Cerbaie di Fucecchio. I militari hanno trovato due persone con della cocaina e le hanno segnalate in via amministrativa. Alle due persone è stata anche ritirata la patente, mentre gli spacciatori sono stati messi in fuga dagli uomini in divisa.

In totale sono state 18 le persone controllate su 11 mezzi: uno di questi trasportava nel bagagliaio 3 batterie di auto, probabilmente destinate ai pusher per la ricarica dei telefoni cellulari. All’interno del bosco, in prossimità dei luoghi di spaccio, oltre al materiale per il confezionamento dello stupefacente, sono stati trovati anche un machete e una katana. A breve distanza dalle strade, sono stati poi individuati alcuni giacigli, con tende, coperte e generi alimentari.
La prefetto di Firenze Laura Lega si è complimentata con il comandante Giuseppe De Liso per l’importante operazione compiuta dall’Arma dei Carabinieri nel Bosco delle Cerbaie. “Un’azione – ha detto – di ampia portata, molto ben orchestrata, condotta allo scopo di ripristinare ancora una volta sicurezza e legalità in una porzione del nostro territorio che da tempo teniamo sotto la lente di ingrandimento”.
Nell’area di circa 3500 ettari che si estende sulle province di Firenze, Lucca, Pisa e Pistoia spesso i pusher lasciano rifiuti e accendono fuochi che hanno già causato incendi: nello scorso marzo sono bruciati 50 ettari, mentre negli ultimi giorni ne sono andati a fuoco altri 15.
Anche il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica ha affrontato spesso le questioni inerenti il Bosco delle Cerbaie: nell’ultima riunione del 10 luglio è stato deciso di intensificare ulteriormente l’azione di sorveglianza e di contrasto alle attività illecite. Alla seduta ha partecipato anche il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli, accompagnato dalla comandante della polizia municipale dell’Unione dei Comuni del Circondario Empolese Annalisa Maritan e da quattro cittadini proprietari di porzioni forestali interessati dai fenomeni di illegalità. Il Bosco delle Cerbaie sarà anche al centro di un comitato interprovinciale, con i prefetti di Lucca, Pisa e Pistoia e i sindaci dei comuni interessati, che si terrà nelle prossime settimane.
“Abbiamo affrontato la questione delle Cerbaie – spiega il sindaco – con grande impegno da parte di tutti nel voler risolvere i problemi legati alla presenza di spacciatori ai margini dei boschi. La mia partecipazione in qualità di sindaco che, secondo l’art.54 del testo unico degli enti locali, sovrintende alla vigilanza di tutto quanto possa interessare la sicurezza e l’ordine pubblico, informandone preventivamente il Prefetto, è l’ennesima dimostrazione che l’impegno dell’amministrazione comunale su questo tema è totale. Ma ciò che mi fa essere speranzoso è che da parte degli organi dello stato, con il Prefetto in testa, c’è la ferma volontà di risolvere la situazione combattendo fermamente la criminalità attraverso una presenza costante sul territorio. Stiamo studiando nuovi accorgimenti che possano far desistere pusher e consumatori provenienti dalle province limitrofe ad avvicinarsi ai nostri boschi. Ovviamente come sindaco ho intenzione di mettere in campo tutte le soluzioni possibili compatibilmente con le forze di cui dispongo perché è giusto ribadire che la materia è di competenza dello Stato, come ci ricorda anche l’art.117 della Costituzione Italiana. Abbiamo comunque allo studio proposte che possono coinvolgere anche la Forestale e i proprietari dei terreni. Proprietari che, tra l’altro, il prefetto ha coinvolto nell’incontro di mercoledì scorso invitandoli espressamente. Importanti decisioni verranno prese probabilmente in occasione del Comitato Interprovinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che interesserà le Prefetture di Firenze, Pisa, Pistoia e Lucca, essendo la nostra zona al confine tra queste province. Intanto però voglio ringraziare pubblicamente Laura Lega perché il suo impegno e quello di tutti i soggetti coinvolti, sono certo porterà presto risultati concreti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.