C’è Staffoli Medievale, dedicata a Carlo Magno

di Nilo Di Modica

Tutto pronto per la festa medievale in programma a Staffoli domenica (1 settembre). Questa mattina la presentazione ufficiale in Comune a Santa Croce sull’Arno.

Così ha presentato l’evento il sindaco Giulia Deidda: “La festa medievale è la prima festa dopo l’estate e credo non ci sia modo migliore di festeggiare. Insieme al carnevale è una delle manifestazioni più importanti del territorio. l carnevale ha 99 anni, ma la festa è una festa che ha recuperato la sua storicità. Un lavoro incessante per una iniziativa che è profondamente staffolese. Un momento di orgoglio anche per il lavoro enorme che c’è dietro. Il tutto intorno a un punto di ritrovo, aperto tutto l’anno, che è la sede”. “L’impegno che mi prendo – ha concluso Deidda – è continuare a sostenere una manifestazione così importante”.
Una manifestazione che quest’anno, nona edizione, farà un vero e proprio salto cronologico di due secoli rispetto allo scorso anno, dedicandosi interamente alla figura di Carlo Magno. Tempi difficili quelli scelti come scenario da parte della manifestazione, in quel 774 in cui mentre la lontana città di Pavia è sotto assedio da mesi da parte delle truppe franche di Carlo Magno, il sovrano doltr’alpe dopo aver battuto e disperso la milizia longobarda alle Chiuse di San Michele in Val di Susa decide di far visita al pontefice Adriano I° a Roma per suggellare il rapporto di amicizia tra il suo popolo e la Santa Sede.
“Da questo viaggio prende spunto la nostra festa, ipotizzando come il sovrano, percorrendo la cosiddetta Via Langobardorum in direzione Roma, sia potuto passare anche dalla nostra Staffil o Staffili – dice Stefania Cioffi, dell’associazione Festa Medievale. – Il borgo si preparerà quindi, al termine della tradizionale sfilata del corteo storico, a celebrare questo evento proprio nella Piazza Panattoni. Saranno quindi organizzate una serie di esibizioni, che andranno dalla falconeria, ai duelli a piedi e a cavallo, alla giocoleria, all’arte del fuoco per giungere infine alla disputa con l’arco e la spada denominata ‘Bravio delle Corti‘. Per il Bravio, la frazione di Staffoli si farà letteralmente in 10, in una vera e propria disfida fra corti. Il borgo è stato diviso in dieci corti e per quest’anno ne sono state sorteggiate cinque, che si sfideranno al tiro con l’arco, grazie all’ausilio degli Arcieri delle Cerbaie. Paese, Marchetti, Casoni, Pieracci e Pieraccioni saranno le cinque corti che si sfideranno.

Il programma
La giornata inizierà con L’anello Longobardo, percorso storico-naturalistico con partenza dal Centro Avis-Pro Loco a cura del Centro Studi Longobardi in Toscana di Staffoli con possibilità di pranzo al sacco al Parco Robinson (per info e prenotazioni : Massimiliano tel.340 346 0859). Alle 15,30 apertura delle taverne lungo la via Livornese insieme al Mercatino tipico Medievale; a seguire, dalle 16, ritrovo dei figuranti al centro Avis-Aido-Admo con partenza dalle 17, 15 circa del Corteo alla volta del paese. Il momento clou, il Bravio delle Corti in Piazza Panattoni, si terrà alle 18,30 e si concluderà con un banchetto Medievale a cura delle Taverne Staffolesi con apparecchiatura lungo tutta la Via Livornese. Alle 21,15 saluti delle autorità, premiazioni e consegna attestati. Alle 22 fasi finali del Bravio delle Corti e spettacolo finale col fuoco.
L’intera giornata di eventi, organizzata dall’associazione di promozione sociale Staffoli Eventi, è a ingresso gratuito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.