Quantcast

Rotaract: San Miniato, Empoli e Prato ripartono da Leonardo foto

I giovani dei Rotaract Club della Zona Montalbano si sono ritrovati al Museo Leonardiano di Vinci. La visita è stata organizzata per domenica 22 settembre, alla mostra Leonardo Da Vinci: Alle Origini del Genio, per rendere omaggio al grande genio toscano in occasione dei 500 anni dalla sua morte e dare inizio, così, alla Annata Rotaractiana 2019/2020.

 

I Rotaract Club di San Miniato, Prato ed Empoli, hanno infatti potuto vedere le riproduzioni dei suoi disegni, delle macchine e delle opere leonardiane amate in tutto il mondo. “Tutto ciò – raccontano – oltre ad essere un grande arricchimento culturale, è stato uno stimolo enorme a leggere l’agire rotaractiano non solo con la ragione, ma con l’intuizione e la volontà di superarsi in ogni occasione che caratterizzava Leonardo. Forse per questo dopo ancora 500 anni Leonardo Da Vinci, con le sue intuizioni e con la bellezza misteriosa che ci ha regalato è sempre vivo nella cultura mondiale e nella nostra vita di tutti i giorni”.
Il ricavato dell’evento, al quale hanno preso parte anche il rappresentante distrettuale Ar 2019/2020 Daniele Ciampalini e la delegata di zona Gruppo Montalbano Ar 2019/2020 Alessia Borgioli, sarà destinato all’associazione di volontariato Marpu che opera in India e finalizzata alla crescita e sviluppo della comunità e del sistema scolastico del villaggio di Phanigiri. Il progetto è stato organizzato dalla Commissione Internazionale del Distretto Rotaract 2071.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.