Quantcast

Lavoro e altri diritti, l’esempio degli Ortolani Coraggiosi foto

Ha ricordato come in questo caso la creazione di posti di lavoro rappresenti anche l’affermazione di alcuni principi fondamentali. Poi Eluisa Lo Presti, presidente della Cooperativa Sinergic@, ha ritirato il premio Leone Rampante dalle mani del sindaco.

Nel giorno di San Candido, patrono di Fucecchio, l’amministrazione comunale ha infatti premiato gli Ortolani Coraggiosi, conferendo al progetto della Cooperativa sociale agricola Sinergic@ la sedicesima edizione del Leone Rampante. Si tratta del riconoscimento che ogni anno il Comune di Fucecchio assegna per premiare cittadini o associazioni che si sono particolarmente distinti con la loro opera nel campo del sociale ma anche della cultura, delle arti, delle scienze, del lavoro, della filantropia, dello sport. La Cooperativa Sinergic@, attraverso la produzione e la vendita di ortaggi, è riuscita a creare posti di lavoro per otto ragazzi con autismo e oltre dieci persone con altri disturbi psichici attraverso un progetto che fa emergere abilità e potenzialità, favorendo al contempo la nascita di amicizie, affetti e relazioni. Tutto questo coltivando gli ortaggi nel rispetto della stagionalità e del territorio secondo metodi genuini e naturali, senza l’utilizzo di prodotti chimici.
Durante la cerimonia, in una sala consiliare gremitissima, il sindaco Alessio Spinelli ha ricordato tutti i premiati dal 2004 ad oggi e successivamente ha sottolineato le motivazioni che hanno portato la giunta alla scelta di quest’anno, in favore del progetto Ortolani Coraggiosi. “Abbiamo voluto premiare – ha detto il sindaco – l’originalità del progetto che fonda le sue motivazioni sul principio costituzionale della dignità umana e del lavoro come diritto per tutti”.
Dopo il sindaco, sono intervenuti l’assessore alla cultura Daniele Cei, l’arciprete della Collegiata di Fucecchio don Andrea Pio Cristiani che si è soffermato sia sul significato della figura di san Candido quale patrono cittadino sia sul forte valore simbolico del premio e del riconoscimento dei diritti, il presidente di Autismo Toscana Marino Lupi, che anche col supporto di alcuni immagini, ha raccontato gli Ortolani Coraggiosi e la battaglia per la libertà e l’uguaglianza che questo progetto rappresenta.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.