Due aziende per un centro protesico, quello di Fucecchio

Mettere a comune le competenze professionali delle due aziende nell’ospedale San Pietro Igneo di Fucecchio che rappresenta il “focus hospital” dedicato interamente alla chirurgia protesica ortopedica. Con questo obiettivo, l’azienda Usl Toscana centro ha sottoscritto una convenzione di collaborazione operativa con l’azienda Usl Toscana Nord Ovest.

Con l’accordo, a breve inizierà a operare il direttore dell’unità ortopedica dell’ospedale Lotti di Pontedera Franco Carnesecchi che si integrerà con la sua equipe con quelle già operanti nel Centro artroprotesico diretto da Roberto Virgili. Grazie all’accordo, tutti gli interventi di artroprotesi saranno fatti con utilizzo di tecnologia avanzata mediante l’uso di robot. Sarà inoltre avviata una costante attività di formazione, anche on the job, unitamente allo sviluppo di progetti di ricerca che vedranno coinvolto anche il laboratorio per lo studio del cammino. I percorsi clinico-assistenziali realizzati, con l’ausilio delle più moderne tecniche chirurgiche nelle sostituzioni articolari, permetteranno al Centro di Fucecchio di consolidare il ruolo di riferimento per l’integrazione operativa e la formazione dei professionisti ortopedici a livello regionale. Il progetto innovativo è stato predisposto da Giovanni Benelli, direttore dell’area aziendale di ortopedia e traumatologia e da Stefano Michelagnoli, direttore del dipartimento delle specialistiche. “Sul centro artroprotesico – ha detto il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli – la nostra amministrazione comunale continuerà a essere vigile e propositiva nei confronti dell’azienda sanitaria perché vogliamo che l’ospedale San Pietro Igneo continui ad essere un punto di riferimento regionale e nazionale in materia di artroprotesi”. “Nell’ottica del modello regionale di interazione fra aree vaste e nello spirito interaziendale – ha aggiunto il direttore generale dell’Asl Toscana nord ovest Maria Letizia Casani -, il presidio San Pietro Igneo presenta tutte le caratteristiche per realizzare la progettualità chirurgica trasversale. Ciò consentirà, attraverso lo scambio di professionalità, di integrare e raffinare le diverse e innovative tecniche chirurgiche già in uso nelle diverse aziende”. Gli interventi protesici del ginocchio, dell’anca e della spalla, grazie all’alta professionalità dei diversi chirurghi ortopedici porteranno un valore aggiunto in questo settore. Il rapporto di collaborazione tra le due Aziende Sanitarie avrà validità fino al 31 dicembre 2020 e potrà essere rinnovato a seguito di valutazione positiva dell’attività svolta per un ulteriore anno solare, fino al massimo di tre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.