Da Santa Croce sull’Arno all’Albania: il viaggio di Marco

La ricerca dei dispersi sotto le macerie è ormai conclusa. Ma sono molti gli albanesi che vivono ancora in automobile, all’aperto e nei campi organizzati il giorno dopo la tremenda scossa di terremoto. A dare una mano, da oggi 30 novembre, c’è anche Marco Bertolini, 66 anni, un volontario “generico” della Misericordia di Santa Croce sull’Arno, che partirà da Bari con altri 6 volontari delle Misericordie toscane. Da Santa Croce, è partito alle 8 di questa mattina per raggiungere il polo logistico delle Misericordie a Pistoia e poi verso la Misericordia di Roccasecca, dove hanno preso in custodia l’ambulatorio mobile delle Misericordie e in giornata passeranno da Andria, da dove si uniranno alla squadra anche un medico e un infermiere. Alle 22 si imbarcheranno per Bari e raggiungeranno la Misericordia di Elbasan, dove rimarranno fino all’8 dicembre. Il gruppo lavorerà insieme ai vigili del fuoco, alle altre associazioni di volontari e alla popolazione per tornare il prima possibile alla normalità. La Toscana ha già messo a disposizione 149 posti letto per rispondere alle eventuali necessità derivanti dagli effetti del terremoto che ha colpito l’Albania e un elicottero. La centrale operativa 118 di Pistoia Empoli, inoltre, si è alternata con quella di Torino per gestire le evacuazioni di pazienti dalle zone terremotate dell’Albania verso l’Italia.

Leggi anche Terremoto in Albania, vigili del fuoco di Pisa in partenza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.