“Medici e infermieri contagiati da Coronavirus, 13 a Cisanello e 5 nella Asl nord ovest. Almeno 70 in tutta la Toscana”

Per il consigliere regionale Roberto Salvini serve subito lo screening: "La pubblica amministrazione non tutela medici e infermieri"

“Sono almeno 70 tra medici, infermieri e operatori socio sanitari le persone contagiate nelle strutture ospedaliere dal coronavirus in Toscana” a dirlo è il consigleire regionale del gruppo misto Roberto Salvini.

Poi Salvini passa in rassegna i numeri cristallizzati nella giornata del 18 marzo che sono imponenti, sopratutto per la Asl Toscana Nord Ovest e per l’ospedale di Cisanello: “13 tra medici e personale sanitario si registrano nell’Azienda ospedaliera universitaria pisana (ospedale di Cisanello) e quindici nell’Asl Nord Ovest (Pisa, Livorno, Lucca, Massa Carrara).

Altri 5 casi tra il personale sanitario di Castel del Piano, ma situazioni analoghe si stanno verificando in tutta la Toscana.

Negli ospedali dell’Asl Toscana Centro (Empoli, Pistoia, Prato, Firenze) i contagiati sono 13, di cui 3 a Torregalli, uno a Ponte a Niccheri, uno a Santa Maria Nuova, oltre a 5 a Careggi, 21 per l’ Asl Sud Est (Arezzo, Grosseto, Siena) e cinque nell’Azienda ospedaliera universitaria senese“.

“È necessario – continua Salvini – tutelare al massimo i lavoratori ospedalieri, che sono i primi a essere a rischio contagio. Altrimenti il pericolo è di mettere a repentaglio tutto il sistema ospedaliero. Non solo: se contagiati, possono diventare gli operatori sanitari stessi il principale veicolo di trasmissione del virus. Quindi, oltre a fornire loro tutti i dispositivi utili a proteggersi, sono d’accordo con la necessità espressa dal presidente della regione Toscana Enrico Rossi di effettuare uno screening di tutto il personale e sanificare molto di più e costantemente tutta la filiera dei luoghi frequentati dai malati, dalle ambulanze fino alle strutture ospedaliere. Non possiamo permetterci di trasformare, loro malgrado, questi lavoratori che tanto si stanno impegnando durante l’emergenza Covid19, da eroi in untori per l’inefficacia della pubblica amministrazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.