Le misure contro gli assembramenti per prevenire il contagio sul litorale e in provincia

In spiaggia sarà la guardia costiera a vigilare nell'entroterra i controlli sulla 'movida' saranno demandati alla polizia municipale

Oggi è tornato a riunirsi il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica alla prefettura di Pisa per valutare le misure da mettere in atto per evitare assembramenti inopportuni in questa fase, in cui in Toscana per quanto il virus covid19 sembra aver rallentato è sempre necessario mantenere il distanziamento sociale.

Il primo tema affrontato è stato quello di garantire la necessaria cornice di sicurezza per la fruizione delle spiagge del litorale pisano. Un primo strumento per far fronte a tale esigenza sarà disponibile con il rinnovo delle convenzioni tra la guardia costiera e i comuni di Pisa e Vecchiano in tema di vigilanza dell’arenile e di sorveglianza marittima. Il prefetto Giuseppe Castaldo ha ringraziato il contrammiraglio Tarzia per la disponibilità istituzionale manifestata nel concorrere con il personale della direzione marittima alle attività di controllo sul rispetto delle misure anticovid e delle norme in tema di distanziamento sociale sulle spiagge. I sindaci di Pisa e Vecchiano hanno rappresentato l’intento di utilizzare l’apporto di guardie ambientali e dei guardia parco per migliorare i controlli.

Al Questore di Pisa, Paolo Rossi, è stato dato incarico di tenere un tavolo tecnico per individuare le modalità di svolgimento e integrazione dei servizi.
All’ordine del giorno del Comitato anche le misure per prevenire il rischio di assembramenti nelle aree di maggior aggregazione serale il prefetto ha chiesto, in particolare, di tenere alta l’attenzione, accanto alle aree del centro di Pisa, ogni nuova situazione di assembramento che si dovesse registrare in provincia, secondo quanto evidenziato anche dal presidente Angori.

Il prefetto Castaldo ha quindi disposto che le forze di polizia intensifichino, con il contributo della polizia locale, i servizi di controllo anti assembramento nel capoluogo durante le ore serali e notturne del week end, provvedendo a sanzionare i trasgressori che persistano in comportamenti non compatibili con la tutela della salute pubblica. Analoga predisposizione di servizi andrà assicurata con riferimento al ponte del 2 giugno.
“Stiamo lavorando per costruire una serie di interventi che siano a tutela di tutti, sia di chi ha l’esigenza di far ripartire una attività commerciale, sia di chi la frequenta e deve farlo in sicurezza – sottolinea il prefetto Castaldo – .

Occorre, in particolare, richiamare l’attenzione dei giovani a continuare a tenere comportamenti responsabili, contemperando le esigenze di socialità con quelle connesse alla tutela della saluta pubblica. Ho rivolto ai sindaci un invito a svolgere, con il pieno coinvolgimento anche delle associazioni di categoria, una completa e diffusa informazione sul corretto uso dei dispositivi di protezione e sul mantenimento del distanziamento sociale. Ho, inoltre, già disposto un nuovo vertice, la settimana prossima, in Prefettura per ricalibrare il dispositivo dei controlli alla luce dei risultati ottenuti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.