Due tablet per la didattica a distanza: il dono dei Fratres San Romano alla scuola del Divino Amore foto

Il Gruppo si è guardato intorno e ha scelto di aiutare in questo modo la comunità

La data del rientro a scuola è ancora incerta. Ma dopo così tanti mesi passati con la didattica a distanza, probabilmente delle tecnologia non si potrà più fare a meno. Ad aiutare la scuola del Divino Amore di Montopoli Valdarno a essere più tecnologica, ci ha pensato il gruppo donatori di Sangue Fratres di San Romano che, oggi 30 maggio, ha donato due tablet per aiutare la scuola nello svolgimento della didattica a distanza.

Con il presidente Roberto Falaschi, il capogruppo Stefanio Parentini e i consiglieri Andrea Rossi e Bernardo Carannante, c’erano il sindaco Giovanni Capecchi e l’assessore alla scuola Cristina Scali.

“In questo periodo di emergenza – racconta il Gruppo -, il nostro consiglio direttivo si era riunito e aveva deliberato di destinare una quota da devolvere in beneficenza, per fare anche noi, nel nostro piccolo, una parte attività di solidarietà per il territorio in cui operiamo. Tramite alcuni associati, siamo venuti a conoscenza che la scuola necessitava di tali dispositivi e quindi, abbiamo deciso con una parte della cifra a nostra disposizione di acquistare due tablet e consegnarli alle suore del Divino Amore.

La restante l’abbiamo impegnata per l‘acquisto di mascherine facciali personalizzate con il nostro logo, che distribuiremo nei prossimi giorni a tutti i nostri donatori. Questo per dare sia il nostro contributo e per promuovere in tutti i campi e i modi la nostra attività, che è quella di donazione di sangue, plasma ed emocomponenti.
Donare il sangue è un gesto gratuito di solidarietà ed altruismo, è un atto che fa bene agli altri e che fa bene a se stessi sia a livello psicologico, sia perché il donatore è naturalmente stimolato a condurre stili di vita sani e corretti ed effettua gratuitamente un controllo preventivo del proprio stato di salute. E’ importante inoltre ricordare che la donazione è indolore, richiede poco tempo, è semplice e sicura per il donatore e per il ricevente.

Il donatore è ‘qualcuno’ che con un gesto individuale semplice e sicuro contribuisce a far funzionare una macchina molto complessa, per la cura di oltre 630mila pazienti all’anno in Italia (che hanno bisogno di sangue 365 giorni su 365)”.

Per saperne di più sul Gruppo o sulla donazione di sangue e plasma, il numero è 348-5914937.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.