“Più soldi ai Comuni per l’emergenza coronavirus”, lo chiede la Lega

"In questi momenti di forte emergenza economica, i nostri enti locali sono in difficoltà"

“In questi momenti di forte emergenza economica legati alla pandemia da coronavirus, in cui i nostri enti locali sono in difficoltà”, al consiglio comunale di Fucecchio, la Lega per Salvini Premier propone un documento sulla necessità urgente di un sostegno della Regione Toscana ai Comuni.

L’ordine del giorno è presentato dal consigliere comunale Marco Cordone a nome anche del capogruppo Gianmarco Porciani e di tutto il gruppo. “L’auspicio – spiega Cordone – è che venga votato da tutto il consiglio comunale della città affinché la massima assemblea elettiva cittadina chieda al Governo di accogliere il sollecito fatto dalla Regione Toscana allo stesso esecutivo nazionale, visto che apposito documento è stato votato poco meno di due mesi fa dal Consiglio regionale della Toscana per lo sblocco del fondo di riserva regionale vincolato e degli accantonamenti, per un totale di circa 1.100.000 euro, in considerazione che i medesimi possano essere al più presto utilizzati per il sostegno alle imprese, alle famiglie ed agli enti locali toscani”.

Nella seduta del 16 luglio, tra gli argomenti all’ordine del giorno c’è anche la richiesta di chiarimento sul patto di distretto (qui) e anche il riconoscimento del debito fuori bilancio per l’intervento in somma urgenza per rimuovere lo stato di pericolo per la pubblica incolumità in seguito a danneggiamento della cuspide del campanile della chiesa della Vergine (qui).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.