Presentato il romanzo di esordio di Luca Terreni

Alla serata era presente lo scrittore di San Miniato

L’associazione Territorio in Comune continua nella sua attività di promozione del territorio e dei suoi abitanti. Dopo l’intensa attività sviluppata per le celebrazioni dantesche che ha visto le principali frazioni del Comune di San Miniato coinvolte nel ricordare i più famosi episodi della Divina Commedia, l’associazione ha dedicato una serata ad uno scrittore di San Miniato, Luca Terreni che con la sua opera prima Vedrò la città che ha terrazze color delle stelle ha esordito nel campo della narrativa.

Il libro racconta la storia di un giovane marinaio di Napoli che agli inizi degli anni Venti del secolo scorso va a lavorare all’arsenale militare di La Spezia e in quel luogo assolutamente nuovo per lui con semplicità e tanta voglia di crescere si avvia a scoprire la vita e il mondo. In questo percorso di vita il giovane marinaio si imbatterà nelle turbolenti vicende politiche che caratterizzarono quegli anni e che lo resero inconsapevole protagonista dei luttuosi fatti di Empoli del Marzo 1921, durante i quali vennero uccisi in modo brutale e senza motivo numerosi suoi commilitoni e alcuni carabinieri.

La presentazione del libro, avvenuta a Villa Sonnino, ha visto la partecipazione della professoressa Grazia Arrighi che ha sapientemente introdotto il numeroso pubblico presente nella atmosfera che Empoli e l’Italia stava vivendo in quel tumultuoso periodo storico che fa da sfondo e non solo alla vicenda umana del giovane marinaio. A seguire Luca Terreni rispondendo agli stimoli del coordinatore della serata il giornalista Giacomo Pelfer ha avuto modo di illustrare al pubblico presente i motivi che lo hanno spinto a dedicarsi alla narrazione di una vicenda umana cosi lontana e tragica, che ha consentito di dare voce ad una vittima dei tragici eventi empolesi del marzo 1921.

La serata ha fatto emergere un libro che può essere apprezzato non solo per la riscoperta di importanti eventi storici del nostro territorio non pienamente conosciuti ma anche per la sua trama e per il suo originale e coinvolgente stile narrativo.

Alla serata ha partecipato l’assessore alla cultura del Comune di San Miniato Loredano Arzilli che si è complimentato con l’autore del libro che con il suo impegnativo lavoro da lustro ad un territorio che si conferma sempre più miniera culturale e storica. L’assessore ha avuto anche parole di ringraziamento per l’associazione Territorio in Comune per la costante opera di promozione culturale che da anni sta sviluppando nel territorio comunale.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.