Quantcast

“L’atteggiamento giusto”, ma Fiasconi pensa alla classifica

Più informazioni su

Il sorriso non è raggiante, è soddisfatto Luca Fiasconi. Chi non lo sarebbe dopo aver vinto il derby? Ma percepisci subito che il pensiero va alla classifica.
“Abbiamo interpretato bene la gara, così come avevamo fatto ad Arezzo, il successo è meritato. E’ chiaro che queste gare servono per dare visibilità a quelli che hanno trovato meno spazio. Sarà così anche per i quarti di finale quando ci saranno”

Si dice che queste gare servono per mettere in discussione le scelte di un allenatore
“Ho avuto buone sensazioni da tutti. Questi sono ragazzi fantastici è chiaro che ci sono delle gerarchia, ci sono scelte da fare alcuni sono classe ’97. In campionato è più difficile esprimersi perché la pressione è maggiore. Dobbiamo essere meno ingenui dobbiamo crescere sotto questo aspetto e se cresceremo faremo bene. Oggi le motivazioni c’erano per tutti: prendiamo Borghini e Gelli sono due livornesi, ho chiesto loro di dimostrare se fossero stati pronti per affrontare il Livorno, il turno successivo di campionato”
L’assenza di Provenzano?
“Non stava benissimo, non era utilizzabile sarebbe stato rischioso in vista della gara di domenica”
Quando arriverà il Como?
“Una partita difficile dove ci saranno 50 anni di differenza tra noi e loro. Ma questo non ci deve spaventare, è normale perdere qualche partita. Ma dobbiamo continuare a provarci come abbiamo sempre fatto”.
Gli altri infortunati.
“Domani conosceremo l’ entità dell’infortunio di Tiritiello, mancherà Mulas e Caciagli è squalificato”.
Avrebbe cambiato la sconfitta di stasera con una vittoria con il Como?
“Non ve lo dirò mai per rispetto ai ragazzi che ho mandato in campo”
E’ lo stesso Fiasconi ad invocare la presenza di Siani in sala stampa.
Giorgio Siani, l’uomo derby parte dal numero di maglia.
“Volevo il 19 come numero di maglia per rispetto dei miei genitori ma non è stato possibile e quindi ho scelto il 17. Ho calciato il rigore senza paura: ad Arezzo l’avevo sbagliato, oggi mi sono rifatto”
Dopo una prestazione come quella odierna, rivendica una maglia contro il Como?
“Ho totalizzato 4 presenze, ringrazio il Tuttocuoio per la possibilità che mi ha dato, non mi aspetto niente. Quando sono arrivato ero indietro rispetto agli altri, poco alla volta mi sento di dire la mia”.
Non ha fatto proclami, ma ha portato i neroverdi ai quarti di finale di Coppa Italia dove non erano mai stati.
Paolo Indiani e Ivan Maraia sono dediti a far svolgere l’annegamento ha chi ha seguito il derby dalla panchina, in sala stampa spazio a Paolo Giovannini.
“Il Tuttocuoio ha avuto l’atteggiamento giusto in questa partita. Chi era impiegato meno ha fatto di tutto per mettersi in mostra. Questa sera abbiamo avuto la dimostrazioni di cosa occorre in questo campionato. Siamo andati a Prato senza Vettori e Della Latta, i nostri capitani e abbiamo vinto. Domenica scorsa abbiamo affrontato la terza forza del campionato: abbiamo giocato con determinazione dando il centouno per cento. Nelle ultime 3 gare precedenti a partire dal Feralpisalò, passando per il Parto e arrivando alla vittoria con l’Arezzo, abbiamo avuto uno spirito diverso, non abbiamo vinto per caso, dobbiamo ritrovare il nostro spirito quello che ci ha fatto rimettere in carreggiata in campionato. Queste vetrine vanno sapute cogliere. Prendiamo Udoh: ieri ha avuto la febbre, quando fu schierato con il Feralpisalò, si mise in mostra guadagnandosi uno spazio nella gara con il Prato”
Il Tuttocuoio è la vostra bestia nera?
“Con loro facciamo fatica”.
E domenica a Livorno.
“Gara insidiosa piena di fascino, non abbiamo nulla da perdere, a loro dovrebbe rientrare anche Vantaggiato, una partita che arriva al momento giusto”.

Andrea Signorini

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.