S.Miniato, Blukart cade in casa con l’ultima in classifica foto

Quella che doveva essere l’occasione per ripartire subito, si è trasformata invece nella sconfitta più amara e probabilmente anche più inattesa. Nalla sfida di ieri al PalaCarismi di San Miniato, la Blukar cade in casa contro il Pino Firenze, fanalino di coda in classifica.

Blukart Etrusca San Miniato – Pino Firenze 78 – 85
Blukart Etrusca San Miniato: Grassi, Giacomelli 14, Stefanelli 14, Zita 8, Bertolini 11, Benites 3, Giarelli 4, Gaye 15, Perin 9, Capozio. All. Barsotti Ass. Ierardi e Carlotti.
Pino Firenze: Marotta Vieri, Terenzi 10, Galmarini 26, Cometti, Dionisi 1, Passoni 3, Goretti 2, Marmugi 10, Rugolo 29, Magini 4. All. Salvetti Ass. Poggi e Sferruzza.
Parziali: 20 – 19, 40 – 44, 55 – 60, 78 – 85
Arbitri:Andrea Bernassola e Dario Di Gennaro di Roma

 

La Blukart non riesce ad ingranare la marcia consueta delle gare casalinghe e cade contro il fanalino di coda Firenze. Il primo quarto scorre in equilibrio, con la Blukart che prova a scappare, ma non riesce a limitare sotto le plance l’esuberanza fisica di Galmarini, per lui ben 26 punti a fine gara, e solo una bomba di Benites allo scadere del primo quarto regala un vantaggio di un punto ai ragazzi di coach Barsotti. Anche il secondo quarto vede le due squadre sempre ad un possesso di distanza, con Stefanelli e Gaye incisivi in fase offensiva per l’Etrusca; è in fase difensiva che la Blukart concede troppo: la bomba da metacampo di Terenzi allo scadere prima dell’intervallo segna il 40 a 44, tanti punti subiti per una difesa solida come quella di San Miniato. Al rientro degli spogliatoi Bertolini e compagni provano subito a ricucire lo svantaggio, ma pagano l’impressione in attacco, rontamente punita da un Rugolo in grande spolvero, che con i suoi 29 punti, oltre ad essere il top score del match, è stato l’assoluto mattatore della seconda parte di gara. La Blukart inizia l’ultima frazione sul meno 5, ma sembra comunque avere la forza di rientrare e fare sua la gara; più volte ha avuto il possesso, nei frangenti importanti della gara, per acciuffare gli avversari e mettere la testa avanti, ma Rugolo e compagni giocano tutti i possessi importanti con grande cinismo, gestendo il finale è ottenendo un risultato che rimette i fiorentini in corsa per la salvezza. “Quella di stasera potrebbe essere considerata solamente una sconfitta inaspettata, però va prima di tutto dato merito ai nostri avversari di aver giocato una gran partita segnando su ogni possesso importante.” la prima precisazione di coach Barsotti a fine gara “Dobbiamo avere l’onestà e l’intelligenza di sottolineare la nostra minor efficacia difensiva rispetto a tutte le precedenti gare del campionato. Abbiamo subito tantissimo a rimbalzo difensivo, ed alla fine questo è stato l’aspetto decisivo per il risultato finale, perché i nostri avversari hanno trovato tantissimi punti dai secondi tiri. Potremo parlare di alcune situazioni sfortunate, perchè abbiamo subito molti canestri sulla sirena, taluni fortunati, compreso un canestro da metà campo, ma sarebbe un alibi che non accetto nel modo più assoluto. La realtà è che per vincere questa gara dovevamo fare una grande partita, al pari delle ultime uscite casalinghe, e invece non abbiamo fornito una prova così consistente. Succede in un campionato difficile come questo e adesso dobbiamo lavorare duro per riscattarsi già dalla prossima sfida a Siena”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.