Prato e Tuttocuoio allo “spareggio” salvezza

Più informazioni su

Dopo aver aperto il 28 agosto 2016 la stagione, Prato e Tuttocuoio 9 mesi dopo si giocano la salvezza. Il miglior piazzamento permette al Prato di usufruire di due risultati, dopo essere riuscito ad annullare il 2-0 con cui i conciari si erano portati avanti, nella gara d’andata di spareggio. Nei tre precedenti ci sono stati sempre 4 gol, anche la prima gara di campionato terminò sul 2-2 mentre il confronto di ritorno vide il successo dei nero-verdi per 3-1, il 23 dicembre 2016.

 

PRATO – Rendimento casalingo

Ventisette i punti raccolti al “Lungobisenzio”. 8 vittorie, 8 sconfitte e 3 pareggi, 22 gol fatti e 20 quelli incassati. 3 allenatori si sono succeduti alla guida dei biancazzurri. Il 26 settembre 2016 dopo 6 gare di campionato terminava l’avventura di Leonardo Acori con 2 punti totalizzati. Il giorno seguente gli subentrava Roberto Malotti, il tecnico della salvezza ai playout dell’anno precedente, rimasto anch’egli per 6 gare sulla panchina pratese, raccogliendo 3 punti. L’ 8 novembre 2016 nuovo ribaltone con l’avvento di Francesco Monaco, il tecnico nativo di Latiano in provincia di Brindisi raccoglieva una squadra all’ultimo posto con 8 punti di ritardo da Tuttocuoio e Pro Piacenza le due formazioni appena posizionate appena sopra la zona calda. Al debutto di Monaco in panchina il 13 novembre 2016 i lanieri furono superati per 1-0 dal Pontedera. Nelle 26 giornate in cui si è seduto in panchina il Prato ha totalizzato 34 punti per una media di 1.3 a partita. Delle 8 sconfitte patite in casa 7 sono state di misura, solo il Livorno vincendo per 3-1 si è imposto con 2 reti di scarto il 25 marzo 2017. Robur Siena, Lupa Roma e Arezzo hanno vinto per 2-1, tranne i senesi, i capitolini e gli amaranto vincendo in rimonta. Robur Siena e Livorno sono state anche le uniche squadre capaci di segnare 2 reti al termine del primo tempo. 4 le sconfitte per 1-0, le lombarde Como e Cremonese sono arrivate già in vantaggio all’intervallo, Pontedera e Alessandria hanno segnato nella ripresa il gol decisivo. Dei 3 pareggi i primi due avvenuti nelle prime due gare casalinghe stagionali sono terminati per 2-2, arrivando alla pausa sull’1-1 dopo aver essere stati costretti a rincorrere il risultato e averlo ribaltato nella ripresa. L’unico 0-0 stagionale il 30 dicembre 2016 con la Racing Roma. Ha dovuto aspettare il 16 ottobre 2016 per festeggiare il primo successo interno 1-0 alla Pro Piacenza con questo punteggio sono state battute anche il Piacenza, Renate e Giana Erminio. Con la Pro Piacenza andando in gol nel primo tempo, nelle altre tre gare realizzando il gol decisivo nella ripresa. 6 degli 8 successi sono stati di misura, Olbia e Viterbese Castrense sono stati battute mettendo a segno 2 reti. I laziali sono stati l’unica formazione sconfitta per 2-0, Lucchese e Carrarese sono state superate con 3 gol. La vittoria più larga è arrivata con la Carrarese battuta per 3-0 il 29 gennaio 2017. Nei primi 45′ è andato in 10 volte, nei secondi 45′ ha siglato 12 reti. 10 ciascuna le reti equamente subite tra il primo e il secondo tempo.

Playout

E’ la sesta volta che va ai playout, retrocedendo nel 1997-98 e nel 2003-04. Nelle ultime tre partecipazioni ai playout, si è sempre salvata giocando in casa la gara di ritorno. Nel campionato 2011-12 dopo aver perso a Piacenza per 1-0, batte gli emiliani con lo stesso punteggio a ritorno. L’anno successivo, pareggia il 25 maggio 2013 a Sorrento e in casa vince per 2-1, nella passata stagione il 21 maggio cade per 2-0 ad Aprilia con la Lupa Roma e a ritorno il 28 maggio 2016 si salva battendo i laziali per 3-1. Vantaggio ospite con Perrulli dopo 21′, pareggio laniero di Ogunseye 10′ più tardi, Regolanti al 60′ sigla la rete della speranza e a 20′ dalla fine Moncini realizzava il gol della salvezza.

Arbitro

Vincenzo Valiante della sezione di Salerno è stato chiamato a dirigere il playout di Prato con gli assistenti Michele Nocenti di Padova e Davide Marcolin di Schio. Quarto uomo Fabio Pasciuta di Agrigento. Per due volte ha arbitrato i lanieri e per la prima volta li dirige in casa. Il Prato non ha mai vinto con il fischietto campano. Il 12 aprile 2015 Ancona-Prato terminata per 1-1 al “Conero” deciso nel finale dalle reti di Morbidelli e pareggio biancazzurro di Rubino a 3′, ha arbitrato il 24 ottobre 2015 Teramo-Prato terminata sul 3-2 per gli abruzzesi, vantaggio laniero con Capello, al quale rispondono per i teramani Scipioni, Petrella e Da Silva, nella fase di recupero arrivo il 3-2 finale grazie ad un rigore di Chiricò.

TUTTOCUOIO

Fino a due settimane fa nella storia del Tuttocuoio, la partita della vita era considerata quella giocata l’8 giugno 2014 al “Masini” di Santa Croce sull’Arno con l’Arzanese, dopo lo 0-0 a Frattamaggiore, bastava il pari per salire nella Lega Pro Unica, dopo la riforma varata dalla FIGC.
Al termine del primo tempo i campani vincevano 1-0 e i ragazzi di Massimiliano Alvini sarebbero retrocessi in Serie D. La rete della liberazione portò la firma di Antonio Cherillo a metà ripresa un gol che voleva dire promozione. C’è fermento nel clan nero-verde, Prato-Tuttocuoio di domenica 28 maggio 2017 alle ore 17 è la partita più importante nella storia del calcio pontaegolese, nel punto più alto della storia del club. O vita o morte non ci sono alternative, un solo risultato vincere e basta.

Rendimento in trasferta

Sedici i punti raccolti lontano dal “Mannucci”, 4 vittorie altrettanti pareggi e 11 sconfitte. 16 gol fatti e 31 quelli incassati. La stagione si è aperta con il pareggio in rimonta a Prato, come rincorrendo il risultato erano arrivati il pareggio a Carrara e quello a Livorno entrambi per 1-1 arrivando alla pausa in svantaggio. L’unico pareggio a reti bianche è arrivato il 16 ottobre 2016 a Piacenza. Delle 11 sconfitte rimediare fuori 4 sono arrivate subendo 3, a Lucca, Cremona e Pistoia per 3-1, la sconfitta esterna di maggiori proporzioni è stata il 3-0 subito ad Alessandria il 26 febbraio 2017 per 3-0. Tranne a Cremona quando ha perso è sempre andato in svantaggio. Le prime 4 sconfitte stagionali con Arezzo 2-1, Olbia 1-0, Robur Siena 2-0 e Renate 1-0 sono arrivate nella seconda frazione. Così come sono maturate nel secondo tempo le sconfitte di Lucca, Cremona e Pistoia. A Viterbo, Alessandria, Cremona e in casa della Pro Piacenza ha chiuso in svantaggio la prima frazione. 3 le sconfitte di misura per 2-1 è arrivata la prima sconfitta esterna ad Arezzo il 18 settembre 2016 e quella al “Garilli” con la Pro Piacenza nell’ultimo impegno di campionato il 29 aprile 2017. A Siena, a Viterbo e a Como ha perso per 2-0, tranne la sconfitta nella Città del Palio le altre due arrivando in svantaggio alla pausa. 4 le affermazioni esterne e tutte di misura, l’ultimo successo in trasferta è arrivato il 12 febbraio a Gorgonzola con la Giana Erminio 0-1 grazie a Andrea Tiritiello, il quale aveva siglato il gol partita anche nella notte di halloween con il Pontedera. I primi tre successi esterni sono arrivati superando Lupa Roma, Pontedera e Racing Roma per 2-1, le ultime due vittorie esterne con la Racing Roma e la Giana sono arrivate nei secondi 45′. Nei primi 45′ ha segnato 7 gol e nella seconda frazione 9, nella prima parte ha incassato 12 reti e nel secondo tempo 19. Dal minuto 79 fino al triplice fischio ha subito 11 gol.
Ha segnato 4 reti negli ultimi 5′ di gioco e tranne il gol di Shekiladze ad Arezzo valso come gol della bandiera, le atre tre reti a Prato, nel derby con il Pontedera e il gol con la Racing Roma hanno portato in dote 7 punti. Compreso il playoff d’andata sono 8 gare consecutive in cui subisce gol, l’ultima volta che la porta rimase inviolata il 25 marzo 2017 nella gara interna vinta per 5-0 con l’Olbia. Sono 6 le trasferte consecutive in cui Nocchi è costretto a capitolare, l’ultima volta che ciò non si verificò il 12 febbraio 2017, i conciari espugnarono il campo della Giana Erminio per 1-0.

Precedenti

E’ uscito qualsiasi segno nei tre precedenti e c’è sempre il Prato nel destino dei nero-verdi. La prima trasferta assoluta in Lega Pro Unica avvenne il 7 settembre 2014 e il Tuttocuoiuo si impose per 4-1, apri e chiuse le marcature Konate, andarono in gol Colombo per il raddoppio nero-verde, Bandini provò a riportare in partita i suoi e un autorete di Pasa consenti ai conciari di ritornare a distanza di sicurezza. Lo scorso anno il 5 dicembre 2015 successo laniero per 1-0 con gol partita di Capello. Sulla panchina biancazzurra sedeva l’attuale allenatore dei nero-verde Alessio De Petrillo.
2-2 alla prima di campionato con gol di Masia che inaugurava la stagione, primo ed unico gol fino ad ora, reti di Di Molfetta e Romano per capovolgere da parte del Prato il risultato e pareggio di Berardi a 4′ dalla fine.

Arbitro

Valiante di Salerno ha arbitrato il Tuttocuoio il 1 maggio 2016 nella gara vinta a Pontedera per 3-0 sulla Robur Siena alla penultima di campionato, quel successo coincise con il debutto di Luca Fiasconi subentrato a Cristiano Lucarelli esonerato il 26 aprile 2016.

Andrea Signorini

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.