Calcio Uisp, Coppa Toscana bianconera: Ferruzza in festa foto

Più informazioni su

Sono serviti i calci di rigore. ma poi la festa è esplosa e i colori sono il bianco e il nero. Niente Juve: allo stadio Mannucci di Pontedera trionfa Ferruzza. I fucecchiesi di mister Mauro Parentini vincono la Coppa Toscana 2019 superando il Gavena ai calci di rigore, in una sorta di remake tutto “empolese” della finalissima del 2014 disputata a Montelupo Fiorentino, quando i penalties premiarono ancora la truppa bianconera.

Per la Ferruzza è il quarto trionfo nella rassegna regionale organizzata da Calcio Uisp Toscana dopo i successi del 2012, 2014 e 2017. Sono i tiri dagli undici metri a impedire al Gavena di mister Alessandro Paxia la conquista della seconda Coppa Toscana consecutiva poi, un anno fa a Lamporecchio, furono proprio Ciambotti e compagni ad alzare il prestigioso trofeo regionale nella vittoriosa finale con i pistoiesi delle Querci. A Pontedera i tempi regolamentari si chiudono con il risultato di 0-0 dopo una partita molto tattica in cui le squadre si preoccupano soprattutto di non scoprire il fianco alle avanzate del team avversario. Ci prova con maggiore convinzione in avvio la Ferruzza con le conclusioni di Bertini e Niccolai che non centrano lo specchio della porta difesa dal portiere cerretese Massaini. Con il passare dei minuti il Gavena prende fiducia ma, al 34′, è ancora Massaini a dire di no a una splendida conclusione al volo dai 25 metri del 9 fucecchiese Niccolai. Al 12′ della ripresa un sontuoso assist di Campobasso mette Bertini davanti alla porta di Massaini, ma l’attenta retroguardia del Gavena riesce a neutralizzare il pericolo. Al 15′ Parentini getta nella mischia Angerame al posto di Niccolai. Pochi minuti dopo proprio il neoentrato attaccante bianconero effettua un tiro-cross dalla destra su cui Bertini si avventa a colpo sicuro: ci vuole un pezzo di bravura in fase difensiva di Passariello per evitare il gol e salvare la porta del Gavena. Il tecnico biancoceleste Paxia inserisce nel finale Touray per Djite e Florez per Taddei nel tentativo di scardinare la difesa della Ferruzza ma lo 0-0 resiste fino alla fine. Si va ai calci di rigore. La Ferruzza è infallibile dal dischetto con Bettini, Angerame e Bertini, mentre il Gavena fallisce tutte e tre le conclusioni dagli undici metri. Prima lo specialista Ciambotti si fa ipnotizzare dal’estremo difensore bianconero Glauco Cecconi, poi Bozzi spara alto e La Rocca colpisce il palo. Finisce 3-0 per la Ferruzza che può esultare per il quarto trionfo in Coppa Toscana della sua storia. Capitan Andrea Paolini alza il trofeo sul sintetico di Pontedera: per la truppa di Mauro Parentini, campione territoriale Uisp Empoli Valdelsa in carica, è l’ultimo capitolo di una lunga scia di successi che non accenna ad arrestarsi.
Prima della vittoria della Ferruzza in Coppa Toscana nel derby “empolese” con il Gavena, erano state le Cerbaie ad alzare la Coppa Granducato al cospetto dei senesi del GS Vico D’Elsa, confezionando un prestigioso “double” che, di fatto, ha consegnato entrambi i trofei al circondario Uisp Empoli Valdelsa. Cerbaie e Vico si ritrovano di fronte a distanza di tre anni dalla finalissima del 2016 disputata all’Arena Garibaldi di Pisa che sancì il trionfo in Coppa Toscana del team senese. A Pontedera si assiste a un’altra storia con le Cerbaie che partono al fulmicotone realizzando due gol tra il 10′ e il 12′ con Mercuri e Tonioni. Al 34′ Paoletti, servito da Fermi, accorcia le distanze per il Vico. Al 7′ della ripresa Fermi, con un tocco ravvicinato, supera ancora il portiere delle Cerbaie Fantozzi siglando il 2-2. Quando il match sembra sorridere ai senesi, l’orgoglio della truppa di mister Rodolfo Polimeni emerge all’11’ del secondo tempo. Tonioni si conquista un calcio di rigore che capitan Dolfi è abile a realizzare portando di nuovo in vantaggio le Cerbaie. Finisce 3-2 per Gianluca Bartoli e compagni che alzano al cielo di Pontedera la Coppa Granducato.

 

Foto Tommaso Pepe

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.