Quantcast

“Non possiamo concederci pause”, Etrusca domina su Valsesia

Più informazioni su

Etrusca San Miniato – Valsesia Basket Borgosesia 72 – 55
Blukart: Carpanzano 3 , Enihe 8, Neri 13, Benites 3, Moretti 6, Regoli, Morciano 7, Daini Palesi, Caversazio 5, Capozio, Quartuccio 2, Tozzi 25. All. Barsotti Ass. Miniati, Carlotti e Latini
Valsesia: Faragalli 2, Ingrosso 7, Petracca 9, Cinalli 7, Dosic ne, Bedini 2, Vercelli 10, Di Meco 9, Cazzolato 7, Ambrosetti 2. All. Bolignano Ass. Gaglierdini e Gagliardini
Parziali: 29 – 10, 51 – 23, 66 – 39, 72 – 55
Arbitri: Luca Attard di Priolo Gargallo (SR) e Angela Rita Castiglione di Palermo

 

Bastano 20 minuti a ipotecare la gara contro una Valsesia mai veramente in partita. Pronti via e i ragazzi di coach Barsotti volano subito sul 10 a 2, con i canestri dall’arco di Enihe e Moretti, ma è Luca Tozzi, top scorer a fine partita con 25 punti, a dare il primo vero break alla gara, segnando 14 punti nel primo quarto, portando i suoi su un eloquente 29 a 10, dopo i primi dieci minuti di gara. Anche nel secondo quarto, con Valsesia che non riesce a fronteggiare l’intensità difensiva di Carpanzano e compagni, con l’Etrusca che riesce a incrementare ancora il vantaggio, con Neri, 13 punti per lui a fine gara e Morciano protagonisti in fase offensiva, fino al 51 a 23 All’intervallo lungo, che di fatto ipoteca la gara. Nel terzo quarto San Miniato mantiene ancora alto il livello del suo gioco, concedendo però qualcosa di più in difesa, con Vercelli e Cinalli che riescono a trovare qualche spazio in attacco, con la frazione che si chiude comunque ancora sul +27. Solo nell’ultima frazione i ragazzi di coach Barsotti abbassano il livello di attenzione, con Valsesia che piazza un parziale di 16 a 6, fino al divario di 17 punti finali, che non fotografa in realtà l’andamento di una gara mai in discussione per Benites e compagni.
“Temevo tantissimo – ha detto coach Federico Barsotti a fine partita – l’inizio di gara contro una squadra come Valsesia, che veniva da una brutta sconfitta nell’ultima giornata di campionato. Siamo stati veramente molto bravi nella prima parte di gara, giocando due quarti di grande livello, con un approccio e una durezza mentale straordinari, che hanno indirizzato subito la gara. Peccato non abbiamo avuto continuità nella seconda parte di gara: dopo un terzo quarto non brillante, ma con un approccio positivo, abbiamo giocato un’ultima frazione sotto ritmo, con troppe distrazioni. Non siamo una squadra di veterani che deve gestire la gara e quando non esprimiamo il massimo della nostra attenzione e intensità, il nostro livello si abbassa troppo. Dobbiamo essere bravi a non fare più questo errore nelle prossime gare: è un campionato equilibratissimo e non possiamo mai concederci pause che possono essere fatali nell’economia di una partita”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.