Punto d’oro per il Pisa: fermato il Benevento capolista

1 a 1 in Campania, contro i primi della classe. Adesso per i ragazzi di mister D’Angelo arriva al sfida con la Juve Stabia

Più informazioni su

Ci sono pareggi che contano quasi come una vittoria. Pareggi pesanti, vitali, importantissimi. Il massimo esempio è il pareggio dorato che il Pisa ha trovato in casa della capolista Benevento, squadra che potrebbe battere nel giro di ritorno tutti i record della Serie B. Un punto che da speranza e che deve caricare al massimo per il prossimo impegno.

La squadra toscana è infatti riuscita a bloccare una vera e propria corazzata, capace di registrare ben sette vittorie consecutive dall’ultimo pareggio, risalente al lontano 9 novembre dell’anno scorso, in casa della Juve Stabia. Una squadra, quella giallorossa, che in stagione ha perso solo una volta, il 26 ottobre, in casa del Pescara. Un punto preziosissimo quello che la squadra di mister D’Angelo ha strappato alla compagine guidata da Filippo Inzaghi. Che pure aveva iniziato benissimo l’incontro, passando in vantaggio dopo appena dieci minuti: Sau incanta sulla fascia sinistra, serve un cioccolatino per Viola che a botta sicura colpisce il palo, sulla sfera si getta come un falco bomber Coda, che spedisce in sacco. Sembra l’inizio di una goleada, sembra già finita la partita. Eppure, le cose cambiano subito. Il Pisa si fa trovare pronto, preparato, voglioso di fare la partita. E dopo 7 minuti trova il pari: carambola sfortunata in area di rigore ed ecco l’autorete del difensore Tuia. La ripresa scivola così, con il Benevento che prova a fare la partita e un Pisa stoico, determinato, quadrato.

“Nel primo tempo abbiamo fatto bene e creato di più rispetto ai nostri avversari.  – ha detto il mister Luca D’Angelo, a fine partita – Loro ci hanno messo in difficoltà quando siamo rimasti in inferiorità numerica e senza difensori centrali, ma siamo stati bravi a difenderci con ordine nonostante la situazione non facile”. Un pareggio che è di certo un risultato giusto e nonostante il calo fisico del secondo tempo alla fine, tra andata e ritorno, sono due i punti che il Pisa ha strappato alla capolista.
Adesso la testa deve andare immediatamente al prossimo impegno, quello con la Juve Stabia, fatalità della sorte proprio dell’altra squadra che è riuscita a bloccare il Benevento dei record. Una squadra in fiducia quella campana, reduce da ben 4 vittorie e 1 pareggio nelle ultime cinque uscite. Proprio grazie a questa escalation, i gialloblu hanno iniziato salire la classifica e ora si trovano in 11esima posizione, a +2 dal Pisa. Dalla parte dei toscani c’è soprattutto una statistica: la Juve Stabia, nelle ultime dieci trasferte, ha vinto appena 2 incontri perdendone la bellezza di 6. Secondo la grafica elaborata analisti sul calcio di Serie B, il Pisa parte con i favoriti del pronostico nelle quote scommesse relative al calcio cadetto (42% rispetto al 27% della squadra campana), nonostante lo stato di forma complessivo della Juve Stabia sia nettamente superiore.

Pisa Benevento Juve Stabia calcio serie B

Numeri importanti, che trovano conferma in un sostanziale equilibrio negli scontri diretti. Le due squadre, dal 2005 ad oggi, si sono incontrate cinque volte: 2 vittorie per la Juve Stabia, 2 vittorie per il Pisa (tra cui la gara d’andata di quest’anno) e un pareggio per 1 a 1.

Un equilibrio che probabilmente si romperà sabato pomeriggio alle 15. Allo Stadio Romeo Anconetani, infatti, il Pisa può dare una scossa alla stagione. Per non dilapidare i sacrifici di Benevento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.