Basket, il derby è di San Miniato

L'Etrusca vola in testa alla classifica

Etrusca San Miniato – Use Empoli 76 – 73
Etrusca: Carpanzano 23, Caversazio 10, Enihe 4, Neri 8, Benites 9, Moretti 3, Regoli Fed, Morciano, Capozio, Quartuccio 3, Tozzi 16, Ciano ne. All. Barsotti Ass. Miniati, Carlotti e Latini
Use: Sesoldi 11, Giannini 15, Giarelli 17, Caceres 7, Raffaelli 8, Gaye 4, Falaschi ne, Calugi ne, Landi ne, Antonini 4, Perin, Vanin 7. All. Marchini Ass. Corbinelli
Parziali: 22 – 20, 38 – 37, 56 – 62, 76 – 73
Arbitri: Fabrizio Suriano e Federico Barra di Torino

Una vittoria sofferta e giocata, ma che per l’Etrusca San Miniato vale la vittoria del derby con l’Use Empoli. E un balzo in testa alla classifica. La partita parte di rincorsa, con un canestro dietro l’altro: di Giannini e Giarelli per gli ospiti e Caversazio, Moretti e Neri che ricambiano la cortesia.

Il secondo quarto si apre con i locali avanti di due punti e con il tentativo di una prima fuga sospinta da Tozzi, fino al massimo vantaggio di 7 punti. Use non ci sta e piazza un controbreak, che rimette subito in equilibrio la gara, grazie alla grande precisione ai liberi di Giarelli e Antonini.

L’ultimo quarto si apre con Use avanti di sei punti e i primi cinque minuti sono un’autentica battaglia: l’Etrusca segna solo 4 punti, ma non concede nulla all’attacco di Empoli ed è ancora Carpanzano ad impattare la gara è dare il primo vantaggio ai locali insieme a Neri e Tozzi. Nel finale di gara una giocata in corsa di Carpanzano sancisce il successo di San Miniato di fronte ad un PalaCreditAgricole che esplode.

“Proprio la gara che mi aspettavo – è il commento a fine gara di coach Federico Barsotti -. Un vero derby, contro una squadra come Use che ha giocato da grande squadra, dimostrando di essere una delle migliori compagini di questo girone. Sono stati bravissimi a togliere ritmo al nostro attacco e solo grazie ad una prova di grande identità siamo stati capaci di rimanere attaccati alla gara, anche nei momenti più difficili. Abbiamo sentito un po’ di emozione da derby nella prima parte, con tanti errori banali e abbiamo avuto tante difficoltà ad interpretare il match. La chiave del successo è stata la maggiore energia che abbiamo espresso nel finale di gara, con un quarto tempino capolavoro per intensità e forza mentale. Un ringraziamento particolare al nostro grande pubblico, che oggi è stato veramente il sesto uomo decisivo in campo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.