Coronavirus, il presidente regionale Figc-Lnd: “Evitate gli allenamenti tradizionali”

Paolo Mangini lancia un appello alle società: "Un sacrificio utile"

Emergenza coronavirus, il presidente regionale della Figc-Lnd Paolo Mangini lancia un appello alle società: “Evitate gli allenamenti tradizionali, meglio limitarsi alla preparazione individuale”.

Dopo che l’emergenza coronavirus ha imposto lo stop a campionati e tornei relativi all’attività dilettante, giovanile e di base organizzata dal comitato regionale Toscana, il presidente Paolo Mangini, stante le numerose richieste di chiarimenti pervenute dalle società toscane in merito allo svolgimento degli allenamenti, ha voluto precisare la posizione del Crt-Lnd.

“Siamo in una situazione generale molto difficile, dove i comportamenti individuali e collettivi sono fondamentali per contrastare l’espandersi e il diffondersi del virus. Né il decreto del presidente del consiglio dei ministri del 4 marzo, né tanto meno i regolamenti federali, mi consentono, al momento, di vietare, limitare o autorizzare gli allenamenti delle squadre. Faccio, però, appello al senso di responsabilità che in questo momento deve guidare i nostri comportamenti e invito calorosamente le società a evitare di svolgere gli allenamenti nei modi tradizionali (ritrovo negli spogliatoi, attività tecnica in campo, eccetera), seppur consentiti da norme molto stringenti e di difficile applicazione”.

“In questo periodo mi permetto di consigliare, se proprio indispensabile, il solo mantenimento della condizione atletica dei giocatori, che può essere svolto anche in forma individuale. Sono consapevole – conclude – delle difficoltà in cui oggi si trovano tutte le società, ma sono anche convinto che questo ulteriore sacrificio possa contribuire a uscire da questa difficile situazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.