Calcio dilettanti, ancora nessuna indicazione su promozioni e retrocessioni

La lunga diretta Facebook del presidente Mangini non scioglie i nodi. Tassa di iscrizione a rate per la prossima stagione

C’era molta attesa fra tutte le società del mondo dilettantistico che attendevano con ansia oggi (25 maggio) le 18,30. L’ora in cui con una diretta Facebook il presidente del Comitato regionale toscano Paolo Mangini aveva dato appuntamento alle squadre per alcune importanti comunicazioni.

Sapendo le società che sarebbe stato poi il consiglio federale a pronunciarsi definitivamente sui verdetti relativi a promozioni e retrocessioni su indicazione dei comitati regionali, tutti oggi si aspettavano le proposte del Comitato regionale toscano per concludere la stagione.

La lunga diretta, all’incirca di un’ora, ha lasciato con il fiato sospeso chi spera nel salto di categoria e quelle squadre che sperano di non retrocedere. Il presidente Mangini, però, ha rimandato l’esito definitivo al consiglio federale del 5 giugno, due giorni dopo quello relativo alle squadre della serie D. La Federazione ha lasciato ai singoli comitati Rrgionali la facoltà di decidere singolarmente sui verdetti da emettere ma oggi non è trapelato niente.

Solo altri i temi sollevati dal presidente. La prima rata della quota di iscrizione ai campionati, ad esempio, si pagherà dopo 4 o 5 giornate di campionato e le altre verranno spalmate nei mesi a venire. Alcune società speravano in uno sconto, visto che la pandemia ha cancellato il calcio nei mesi di marzo-aprile e maggio. Il massimo esponente regionale ha giustificato questa decisione con l’intenzione di mantenere tutte le squadre che fino ad ora sono state iscritte ai campionati.

Per il resto c’è solo da attendere, ma oggi pensiamo che nelle società la delusione e l’incertezza abbiano preso il sopravvento sul desiderio di conoscere quello che sarà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.