“Non ero mai rimasto in una società così a lungo”, mister Chetoni racconta la sua Sanromanese

"Squadra ringiovanita anche per abbassare i costi", distanziamenti e lavori a piccoli gruppi

Ha atteso, si è messo alla finestra e ha voluto vedere come la società si sarebbe mossa sul mercato.
E’ stato questo l’atteggiamento tenuto dall’allenatore Fabio Chetoni prima di assumere il quarto mandato in seno alla Sanromanese.

“Nell’allestimento della rosa c’era da capire quanti ragazzi sarebbero rimasti. Che squadra sarebbe stata fatta, pur sapendo che la pandemia ha messo in crisi le attività commerciali”.
Per certi versi ha preteso rassicurazioni?
“Ho sempre parlato chiaro con la società. Non avevo nessuna preclusione verso il San Romano. Vi assicuro che il rapporto è sempre stato consensuale. Non volevo una squadra di fenomeni ma una compagine che come ha sempre fatto negli anni precedenti se la sarebbe giocata con tutti”.

E se Chetoni guiderà ancora i canarini, vuol dire che ha avuto rassicurazioni.
“La squadra rispetto allo scorso anno è stata ringiovanita anche per abbassare i costi. Le mie richieste soprattutto sul mantenimento del gruppo e le linee guida della società sono andate di pari passo”.
Questo è il motivo di un rapporto tanto duraturo.
“Non ero mai rimasto in una società così a lungo. Mi trovo bene con le persone. Siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Lo stesso vale anche con la squadra. Un rapporto consolidato nel tempo”.

Questa è un’ottima base di partenza.
“Quando parlavo con i ragazzi c’erano molte perplessità su un eventuale trasferimento. C’era il dubbio che non potessero trovarsi bene come da noi. E’ prevalso il motto: chi lascia la via vecchia per la nuova sa cosa perde ma non sa cosa trova”.
Sia sincero, pensava di trovare da quel 1 marzo la quasi totalità del gruppo?
“Se penso ai ragazzi che abitano nei paraggi, anche per i colloqui telefonici ero convinto che sarebbero rimasti. Onestamente per la lontananza pensavo che avremmo perso Garzelli che arriva da Livorno e Lorenzini che abita nel comune di Cascina. Ritrovarli mi fa piacere”.

Nel calcio anche a grandi livelli, spesso viene adottato il sistema se uno esce ne entra un altro.
“Anche noi ci siamo comportati così. Sono partiti Luca Hemmy e Bonamici in attacco, Andrea Hemmy in difesa e Blè a centrocampo. In difesa è arrivato Montorzi dal Capanne, a metà campo Conti dalla Real Cerretese e Ferroni in attacco dal Castelnuovo Valdicecina. Riteniamo un nuovo acquisto anche D’Agosta. Due anni fa era un ragazzo in quota che realizzò 6 reti, lo scorso anno non poteva allenarsi per problemi di lavoro, ora queste difficoltà sono state superate grazie ad un nuovo impiego e per noi è un nuovo acquisto”.

Un poker d’acquisti da definire come?
“Di spessore”.
Ritiene la rosa ultimata?
“Ci manca un portiere e se capita l’opportunità proviamo ad arrivare a un attaccante”
Da martedì 1 settembre alle 19 il San Romano si prepara con quale scopo?
“Di dar vita ad un campionato tranquillo. Se poi andrà bene proveremo a centrare i playoff”.

La totalità del gruppo in preparazione le rende la vita più facile?
“Senza dubbio se ci fossero state le condizioni normali. Ci sono molte difficoltà nella gestione del lavoro in preparazione. Prima di tutto torni ad allenarti dopo 6 mesi di inattività e questa cosa va messa in preventivo. Fino allo scorso anno potevi fare nella stessa giornata un lavoro doppio, al mattino e al pomeriggio. Ora con le restrizioni svolgi un solo allenamento la sera alle 6, un ragazzo dopo la stanchezza di una giornata di lavoro deve venirsi ad allenare. Nell’arco di una giornata il lavoro veniva suddiviso meglio tra parte atletica al mattino e tattica al pomeriggio. Ora non c’è tempo per fare come si deve le due cose. Il giorno dopo di nuovo lavoro e preparazione. Non siamo professionisti, così i ragazzi sono sottoposti maggiormente agli infortuni”.

Come tutti vi adeguate al protocollo sanitario.
“Distanziamenti e lavori a piccoli gruppi. Penso che per tutta la prima settimana svolgeremo questo tipo di lavoro”.
Qualsiasi società è nella vostra identica posizione.
“Io ho sempre impostato in quel modo la preparazione. Hai bisogno di fargli affinare l’intesa. Un giocatore deve pensare e riesce a farlo se capisce quali sono le caratteristiche del compagno: va servito sul corto oppure in profondità, qual è il piede che predilige. Sono tutte conoscenze che devi aver per capire qual è la scelta più opportuna durante quella situazione”.

Quando potrà entrare sullo specifico, a quale modulo si avvicinerà?
“Ma sono sempre stato un allenatore duttile, vediamo se con il tre quartista dietro le punte, se schierarci con il tridente o nel classifico 4-4-2. Ma di sicuro con la difesa a quattro”.
Che girone si aspetta.
“Al momento non sappiamo niente, neppure sulla composizione. Se fosse il girone di sempre posso dirvi che la Volterrana ha fatto un bel colpo assicurandosi Athos Ferretti, il Tirrenia ha preso giocatori di categoria, il Donoratico annovera due giocatori letali come Berretti e Di Grazia”.

Un giudizio sulle squadre del Cuoio.
“Il San Miniato si è rinforzato, affrontare una squadra come il Capanne di Antonio Doveri è sempre una gara rognosa e lui è un ottimo motivatore. Per noi sono derby dove trovi trappole da disinnescare. Lo Staffoli non sai mai in quale girone viene inserito ma posso dirvi che giocare da loro sul loro campo è sempre difficile. Il Ponte a Cappiano è allenato da Marchetti un mio caro amico e posso assicurarvi che propone un bel calcio. Sono tutte squadre con le quali quando vai ad affrontarle può uscire qualsiasi risultato”.
Sano campanilismo.

Rosa San Romano 2020-21

Portieri: Andrea Pinelli

Difensori: Simone Borghini, Gabriele Bachi, Ruben Martinelli, Lorenzo Montorsi dal Capanne, Lorenzo Rosta classe 99, Jacopo Galoppi, Nicola Lorenzini, Gabriele Scali

Centrocampisti: Alberto Rodella classe 00, Brando Garzelli, Matteo Tedeschi, Andrea Pagni, Matteo Bianchi, Jacopo Conti classe 99 dal Real Cerretese.

Attaccanti: Mirko Maccari, Andrea D’Agosta classe 99, Francesco Ferroni dal Castelnuovo Valdicecina classe 99

Staff tecnico

Allenatore: Fabio Chetoni

Preparatore dei portieri: Luigi Reali

Direttore sportivo: Mirko Scateni

Organigramma societario

Presidente: Mario Pagni

Vicepresidente: Damiano Berni

Amministratore delegato: Luciano Baronti

Segretario: Sauro Berni

Programma amichevoli

9 settembre Montaione – Sanromanese ore 20,30

12 settembre Sanromanese – Treggiaia ore 16 luogo da stabilire

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.