“Abbiamo invecchiato la squadra”, Scali racconta il suo San Miniato

E sulla stagione che verrà: "Abbiamo rispetto di tutti e paura di nessuno"

“Abbiamo invecchiato la squadra”. L’espressione del direttore sportivo Fabrizio Scali dell’Asd San Miniato può apparire bizzarra, certamente in controtendenza alla stagione in cui il virus si è impossessato di tutto compreso il mercato dei dilettanti.

“Nel campionato scorso, in una rosa di 20, c’erano 10 ragazzi in quota. Ora abbiamo dimezzato la rappresentanza”.
Non vi siete azzardati in scommesse.
“Abbiamo analizzato le disposizioni federali. In questo campionato occorre un solo giocatore in quota nato tra il ’98 e il ’99. Perché dovremo tenerne un numero alto spiegatemi il motivo. Ne abbiamo 5 ed è un numero più che sufficiente”.
Può avervi insegnato qualcosa il campionato scorso?
“Nella passata stagione la nostra era quasi una squadra juniores e qualcosa sotto questo aspetto concedevamo alle altre squadre. I movimenti hanno riguardato, tranne i portieri, indistintamente tutti i reparti”.

E’ la miglior formazione che avete costruito da tre anni, da quando giocate in Prima Categoria.
“I valori di una squadra li esprime sempre il rettangolo verde, però toccando ferro… Siamo sicuri di avere in mano una rosa con 18 ragazzi che possono essere tutti titolari, una squadra più variegata”.
Potete diventare la sorpresa del campionato?
“L’intento è quello di dar vita ad un campionato tranquillo, come è avvenuto due anni fa, cercando di salvarsi un pochino prima, senza doverci trovare invischiati nella lotta salvezza. Noi siamo una società che non ha mai fatto facili proclami. Abbiamo sempre tenuto i piedi in terra. Vogliamo giocarcela con tutti, poi vedremo. L’importante è fare gruppo, creare amicizia. Questi sono gli elementi in più che ti portano a fare risultati. Qualsiasi squadra dalla Serie A alla Terza Categoria non può prescindere dal gruppo”.

Giani, Lamberti e Novi. Tre giocatori che Stefano Valori aveva avuto a Capanne…
“Sono ragazzi che lui ha fortemente voluto. Considero un acquisto anche il portiere Cesare Micheli un lusso per la categoria e per le nostre tasche”.
E’ bene non farsi trovare impreparati davanti ad un campionato con meno squadre?
“Se saranno formati dei gironi da 13 avremo 6 gare in meno rispetto allo scorso anno. Nell’economia di un campionato questo si vede”.

Valori, quale sistema di gioco adotta?
“Sicuramente 4 difensori poi può variare con il tridente davanti o con il rifinitore dentro il tandem offensivo. Ne più ne meno come ha fatto lo scorso anno”.
La preparazione è appena iniziata e bisogna attenersi ai protocolli Covid.
“La preparazione ha preso il via il 1 settembre. Il Covid non ci fa dormire sogni tranquilli, come tutte le altre cerchiamo di adeguarci alla normativa. Sfruttando i due spogliatoi, autocertificazioni, sanificazioni, facendo tutto quello che prevedono le normative”.
Pochi giorni prima della preparazione avete aggiunto all’organico il 2000 Matteoni.
“Un giovane che nello scorso campionato è stato prima a San Miniato e poi a Fucecchio. Un 2000 che passerà dal calcio dei ragazzi a quello dei grandi”.

Il colpo last minute?
“La classica ciliegina sulla torta”.
Soddisfatto della campagna acquisti?
“Con i nuovi ci sono stati alcuni incontri prima di decidere. Posso dirvi che quelli che sono qui, sono tutti ragazzi giusti”.
La semplicità sembra essere una vostra prerogativa?
“E la forza c’è data dai fratelli Campigli, perché per me Massimo e Roberto sono due presidenti alla stessa maniera. Non c’è mai stata titubanza nel voler ripartire. Sono loro che tengono in piedi una realtà come la nostra”.

Nella griglia di partenza del campionato chi inserisce?
“Mi parlano bene della Volterrana, il San Romano è una squadra che da quattro anni a questa parte entra sempre nei playoff e la reputo una candidata da piani alti”.
La vostra rivalità più accesa?
“Con nessuno, con noi sono sempre derby tranquilli. Abbiamo rispetto di tutti e paura di nessuno. Non abbiamo rivalità acerrime. Come le altre non ci piace perdere”.

Rosa Asd San Miniato 2020-21

Portieri: Gianluca Morelli, Cesare Micheli

Difensori: Edoardo Nencioni classe 99, Filippo Scali, Alessio Lamberti dal Capanne, Daniele Lucchesi dall’Atletico Fucecchio, Nico Caponi

Centrocampisti: Gabriele Donati, Filippo Campinoti classe 98, Edoardo Boldrini classe 98, Daniele Giani dal Capanne, Samuele Marconcini dagli amatori del Real Isola, Andrea Faraoni fino a dicembre al San Miniato Basso poi al Real Cerretese

Attaccanti: Ronny Mucciaccito, Lorenzo Zini, Paolo Susini, Edoardo Novi dall’Antignano, Matteoni Marco classe 2000 fino a dicembre al San Miniato Basso poi al Fucecchio

Staff tecnico

Allenatore: Stefano Valori

Preparatore dei portieri: Alessio Fiaschi

Organigramma societario

Presidente: Massimo Campigli

Vice-presidente: Roberto Campigli

Direttore sportivo: Fabrizio Scali

Consiglieri: Simone Casalini, Alfio Morelli, Roberto Morelli, Enrico Micheletti, Leonardo Micheletti

Programma amichevoli

9 settembre Monterappoli – ASD San Miniato ore 20

12 settembre Fabbrica – ASD San Miniato orario da stabilire

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.