Casarosa Fornacette, Malasoma: “Ricominciamo da dove abbiamo interrotto”

Pochi ritocchi per la squadra, il mister è fiducioso sull'inizio di stagione

Non c’è persona più indicata dell’attuale allenatore Lido Malasoma per parlare del Casarosa Fornacette. Sono cinque anni che gravita intorno alla prima squadra, ha fatto l’allenatore, ha svolto il ruolo di direttore sportivo, solo nella passata stagione per portare avanti il progetto juniores si era allontanato. Poi è stato chiamato al capezzale di una squadra che in mezzo al mare navigava nella tempesta per riportarla nelle acque tranquille.

Ora è pronto a ripartire.

“La stagione che verrà non sarà altro che il proseguo dello scorso anno. Riprendiamo quel cammino che si è interrotto il 1 marzo, abbiamo ritoccato la squadra con 5 nuovi elementi, per stare nelle prime 5 posizioni”.

Difesa rimasta identica e centrocampo e attacco ritoccati.

“In avanti bisognava intervenire offensivamente e tecnicamente. Addirittura lo scorso anno ci siamo ritrovati a giocare con un classe 99 e con Lasko che era un 2002. Il peso dell’attacco gravava tutto sulle spalle di Nannelli. E’ arrivato Verola che è una vecchia conoscenza giocatore esperto, motivato. E’ venuto a Fornacette dove vuole chiudere la sua carriera in bellezza togliendosi delle soddisfazioni. Scardigli è un giocatore alla soglia dei trent’anni, che in carriera ha ottenuto buoni risultati e che è arrivato da noi perché ha sposato il nostro progetto”.

Avete ricostituito la coppa Verola-Nannelli.

“Due che si conoscono bene, che avevano fatto bene a Orentano, a questo duo abbiamo aggiunto dei cambi validi”.

A metà campo altri due innesti.

“Cecchi è un giovane classe 98 con una stagione da protagonista a Capanne e in più è arrivata la sorpresa Pellegrini”.

Perché ha usato questa definizione?

“Non ha mai giocato in Prima Categoria. Ha sempre giocato nel Cep in una squadra dove non c’erano pressioni ma ha rischiato di compiere il doppio salto dalla Terza alla Prima categoria perdendo con il Tirrenia lo spareggio a Uliveto Terme al 7 minuto di recupero del secondo tempo supplementare. Ora esce dal suo habitat e gioca un campionato con più responsabilità. E’ un vero leader”.

L’ultimo volto nuovo è quello di Venezia tra i pali.

“Un classe 93 che affiancheremo a Doveri. Un ragazzo che si era fermato ed ora ha deciso di ripartire, in passato era un ottimo portiere”.

Il sistema di gioco di Malsoma?

“3-4-3 con Verola come terminale. A metà campo gente come Nastasi, Ciardelli, Burchi, tutti giocatori duttili”.

Un girone con delle sorprese.

“Sono cambiate 4 squadre, Ponte a Cappiano, Malmantile, Comeana e Marginone le avevo affrontate quando allenavo il Castelfranco e il Fucecchio. Hanno tolto le livornesi e le squadre dell’entroterra con noi è rimasto solo il Portuale Guasticce. Si spera sia un campionato più abbordabile, completamente nuovo con 13 squadre e dove osserveremo un turno di riposo da sfruttare in tutti i minimi dettagli. Le nuove le reputo meno forti individualmente ma molto organizzate tatticamente. Mi aspetto un campionato molto equilibrato per un lungo periodo poi saranno le individualità a fare la differenza”.

Al fixing chi ha le quotazioni maggiori?

“Il San Giuliano potrebbe essere una favorita, la Sanromanese ha sempre fatto i playoff, il Comeana ha sempre avuto un bel settore giovanile”.

Come il vostro.

“Non siamo secondi a nessuno”.

L’avvio del campionato sarà preceduto dal triangolare di Coppa. Il copia incolla dello scorso anno.

“Portuale Guasticce e Tirrenia. A differenza dello scorso anno avremo il vantaggio di riposare il 20 settembre potendo andar a vedere i nostri avversari avendo sette giorni di preparazione in più per prepararla bene”.

Con lei questa squadra è arrivata al punto più alto nella storia perdendo la finale di Coppa Toscana con il Candeglia in una serie infinita di calci di rigore nel 2017.

“Ai ragazzi ho sempre detto che qui occorre la fame, la voglia di lavorare, una grossa autostima. Dovranno credere nei propri mezzi. Io sono esperto e insieme al mio staff cercheremo di far rispettare i buoni propositi. Speriamo di fare un regalo al nostro presidentissimo Luca Baldi. Meriterebbe la promozione diretta, ma credo che se riuscissimo a centrare i playoff sarebbe ugualmente contento”.

Rosa Casarosa Fornacette 2020-21

Portieri : Matteo Doveri, Giuseppe Venezia, Kevin Composto

Difensori : Andrea Benedetti, Marco Benedetti Marco, Lorenzo Degl’Innocenti, Federico Ricci, Alessandro Baroni, Federico Di Cocco, Tommaso Bottoni

Centrocampisti: Leonardo Mattiello, Tommaso Burchi, Lorenzo Pellegrini dalla Nuova Polisportiva Popolare Cep, Daniel Cirillo, Alessio Tosi, Matteo Maurelli, Gabriele Cecchi dal Capanne, Mirko Nastasi, Nicola Ciardelli

Attaccanti : Mauro Verola dal Capanne, Simone Nannelli, Simone Scardigli dal Tirrenia, Matteo Perissinotto

Staff tecnico

Allenatore: Lido Malasoma

Allenatore in seconda: Samuele Lenzi

Direttore Sportivo : Stefano Ciardelli

Preparatore dei portieri : Davide Ulivieri

Preparatore atletico : Staff Flab

Team manager : Fabrizio Berretta

Dirigente accompagnatore : Marco Carli

Addetta stampa: Paola Selmi

Presidente: Luca Baldi

Prossime amichevoli

16 settembre alle 19 Casarosa Fornacette- Casarosa Fornacette Juniores

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.