Rivoluzione Tirrenia: 13 giocatori nuovi per la nuova stagione in Prima

Mister Davide Frau presenta la nuova avventura della formazione pisana dopo lo scampato rischio retrocessione

Bastano poche parole per capire quanto sia soddisfatto della sua squadra Davide Frau, allenatore del Tirrenia.
“Avevamo un idea dell’allestimento della squadra. Vi dico la sacrosanta verità, sono più contento ora rispetto a quello che c’eravamo prefissati”.

Perché tanto stupore?
“Non pensavo che questi arrivassero”.

La chiusura della stagione anticipata e il congelamento della classifica, vi ha dato una grossa mano: eravate invischiati in piena lotta per non retrocedere.
“Insieme alla società nella persona di Giacomo Corci e con il nostro direttore sportivo Nicola Tortiello abbiamo deciso di cambiare diversi ragazzi”.

Il motivo per cui questa squadra era a forte rischio retrocessione
“Si era chiuso un ciclo, stiamo parlando di un gruppo che era a Tirrenia da troppi anni. Era arrivato il momento di cambiare”.

Affrontare la Prima Categoria con un blocco che da anni giocava in Seconda Categoria è stato un azzardo?
“Sarebbe stato un errore non premiare una squadra che sul campo si era meritata questa promozione. Poi sono subentrati tanti aspetti, sembrava tutto dovuto e tutto scontato. L’assuefazione aveva preso il sopravvento. Nessuno si prendeva le sue responsabilità, la familiarità dell’ambiente ha portato la squadra a mostrare una certa superficialità. Non avevano la testa giusta. Se non hai il gruppo nel calcio non vai da nessuna parte”

La squadra precipita e Davide Frau presenta le dimissioni.
“Io posso aver sbagliato ad andar via, ma la squadra non andava malissimo”.

Ed ora con una mossa non consueta nel calcio è ancora a guidare il Tirrenia
“Abbiamo ripreso quel discorso che si era interrotto un anno fa. Portando avanti quei passaggi che andavano fatti, se li avessimo fatti lo scorso anno avremo guadagnato tempo, ero per integrare tutti dobbiamo pazientare. Ma eravamo consapevoli di cosa andavamo incontro. Ma sono contento stiamo lavorando bene. Qualcosa si inizia a intravedere”.

Una lunga opera con 13 giocatori nuovi. Quali sono stati gli acquisti più sofferti?
“I due centrali Invenazzi dall’Atletico Etruria e Andrea Hemmy dal San Romano”.

E quello che l’ha fatta rimanere a bocca aperta?
“Anche se è arrivato subito sicuramente l’arrivo di Matta dai Colli Marittimi”.

La società cosa le ha chiesto?
“L’intento è quello di raggiungere la salvezza, riusciremo a farlo se saremo bravi a sfruttare pienamente le potenzialità della squadra”.

È perseguibile l’obbiettivo?
“Ci possiamo divertire. Potremmo diventare la guastafeste”.

Le prime verifiche sul campo che indicazioni hanno fornito?
“Ho visto tanta voglia di fare bene, voglia di allenarsi. L’esperienza che occorre per stare in campo e i giovani che fanno di tutto per rispondere”.

Chi sono le note positive?
“Devo dire che il reparto che si è messo in luce è stato il centrocampo. Puccioni e Rombolini in mezzo e gli esterni Cocchini e Cozzi”.

Quale sistema adotta?
“Un 4-3-3 che può diventare un 4-2-3-1 dipende da che tipo di gara dobbiamo affrontare”.

Un giudizio sul girone C di Prima Categoria.
“Ero convinto che Saline, Castiglioncello, Venturina, le tre salite di categoria, venissero rimpiazzate da Laiatico, Pomarance e Geotermica e mi aspettavo le squadre livornesi. Ma non il Ponte a Cappiano, il Marginone, il Comeana Bisenzio e il Malmantile”.

Le caratteristiche di questo girone?
“È un girone più tecnico anche per le disponibilità economiche delle squadre ed i campi dove vai a giocare”.

Chi se lo gioca?
“Casarosa Fornacette, penso che il Ponte a Cappiano avrà ambizione, Marginone, Calci. Le altre non le conosco”.

Il primo impegno ufficiale sarà il remake del triangolare di Coppa dello scorso anno.
“Ritroviamo il Portuale Guasticce e il Casarosa Fornacette. Finimmo tutte a tre punti con un gol fatto e uno subito. Passo per sorteggio il Portuale Guasticce. Speriamo che l’esito sia diverso”.

Rosa Tirrenia 2020-21

Portieri: Tommaso Mansani classe 99 dal Forcoli, Simone Fiumicelli dal Calci

Difensori: Federico Fedi, Filippo Prato classe 99, Gianmarco Giorgi classe 2000, Alessio De Matteis classe 99, Giovanni Cecchi, Gabriele Tedesco classe 2002, Gianluca Invernazzi dall’Atletico Etruria, Andrea Hemmy dal Sanromano

Centrocampisti: Luca Balleri, Jacopo Simoncini, Claudio Rombolini dal Monterotondo, Lorenzo Puccioni classe 2000 dall’Atletico Etruria, Samuele Vergili, Tommaso Luperini classe 2001 dal Cascina, Alessandro Novelli, Jacopo Mani classe 2000, Alain Cozzi dal Portuale Guasticce classe 99, Diego Pellegrini dal Latignano

Attaccanti: Cristian Matta dai Colli Marittimi, Luca Cocchini dal Portuale Guasticce, Andrea Davini dal Bientina, Filippo Scuglia classe 2001 dal Cenaia

Staff tecnico

Allenatore: Davide Frau

Allenatore in seconda: Samuele Cateni

Preparatore dei portieri: Yuri Bonaretti

Massaggiatore: Nicola Salierno

Organigramma societario

Presidente: Giuseppe Corci

Direttore generale: Giacomo Corci

Team manager: Walter Lorenzoni

Direttore sportivo: Nicola Tortiello

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.