“Non possiamo tutelare gli atleti”, la responsabilità dell’Asd Pannocchia: niente campionato amatoriale

La scelta difficile, ma condivisa: “Non abbiamo meccanismi di controllo”

Il gruppo dirigente dell’Asd Corrado Pannocchia di Ponte a Egola, in accordo con i calciatori, ha deciso di non iscriversi al prossimo campionato di calcio amatoriale. Una scelta sofferta, ma condivisa dallo staff e dagli atleti che si appella al senso di responsabilità e alla necessità di mettere al primo posto il diritto alla salute.

“La decisione – dicono dalla dirigenza – è stata assunta per tutelare i calciatori, i dirigenti e le loro famiglie in questa fase di nuova diffusione del Covid 19.

È stata una decisione ovviamente sofferta, ma abbiamo ritenuto che in questo momento fosse la scelta più responsabile, non avendo la possibilità di dotarci di meccanismi di controllo per tutelare gli atleti della nostra squadra e delle altre squadre in occasione delle partite.

Preferiamo attendere finché la situazione non sarà più chiara e definita e finché non saremo sicuri di poter ripartire garantendo la piena sicurezza per i nostri ragazzi e per le altre squadre”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.