Leone Rampante, i premi all’ospedale San Pietro Igneo e all’allenatore Alvini

La diciassettesima cerimonia per la massima onoreficenza del comune di Fucecchio

La diciassettesima edizione del premio Il Leone Rampante sarà molto diversa dalle precedenti. Intanto perché per la prima volta la massima onorificenza del comune di Fucecchio non verrà assegnata nella sala consiliare del municipio bensì nel più capiente auditorium dell’oratorio La Calamita, in piazza Salvo D’Acquisto, sabato 3 ottobre a partire dalle 9. La scelta non è stata fatta soltanto per rispettare al meglio le norme anti-Covid ma anche perché il pubblico atteso è sicuramente molto. Uno dei due premiati infatti sarà l’ospedale San Pietro Igneo di Fucecchio che durante l’emergenza Covid ha saputo riorganizzarsi in tempi rapidi e fornire un grandissimo supporto alla rete ospedaliera toscana accogliendo molte persone positive al Coronavirus in un momento di oggettiva difficoltà.

Alla premiazione interverranno quindi dirigenti, medici e infermieri del nosocomio fucecchiese. L’altro premiato sarà un allenatore fucecchiese che facendo tutta la gavetta è arrivato fino al campionato di calcio di serie B: Massimiliano Alvini. Il premio è per la sua eccezionale carriera e per la vittoria dei playoff di serie C dello scorso campionato con la quale ha riportato la Reggiana nella serie cadetta dopo 21 anni di assenza. In sala sono attesi molti sportivi locali ma anche importanti nomi del calcio nazionale.

Sanità e sport, dunque, per l’edizione 2020 del premio Il Leone Rampante. Non è una prima volta che questi due ambiti vengono scelti dalla giunta comunale per assegnare il riconoscimento. Nel 2009 infatti il premio fu assegnato ad un grande medico fucecchiese come Paolo Aglietti, uno dei padri della chirurgia del ginocchio in Italia e nel mondo, prematuramente scomparso nel 2013. Molto presenti sull’albo d’oro del premio anche i campioni dello sport: il primo ad iscrivere il proprio nome fu nel 2005 il campione di ciclismo Andrea Tafi, poi nel 2008 fu la volta dell’olimpionico dei 3000 siepi Alessandro Lambruschini, quindi nel 2015 il pallavolista della nazionale Simone Buti e infine nel 2017 il campione del mondo di tiro a volo Stefano Narducci.

La cerimonia di premiazione che si terrà sabato 3 ottobre, giorno di san Candido patrono di Fucecchio, a partire dalle ore 9, sarà suddivisa in due fasi: prima verrà premiato Alvini e dopo la sanificazione dei locali, intorno alle 11, verranno premiati i rappresentanti dell’Ospedale. Ci sarà spazio anche per una menzione d’onore che andrà a dei bellissimi cani razza Terranova e ai volontari dell’Unità Cinofila Salvataggio Nautico di Fucecchio per l’importantissima opera di soccorso che svolgono in mare e in particolare per il salvataggio di cui sono stati protagonisti lo scorso luglio nei pressi di Cecina.

Alla premiazione interverranno il sindaco Alessio Spinelli, l’assessore alla cultura Daniele Cei e tutta la giunta comunale. L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook del comune di Fucecchio.

Il Leone Rampante è un premio istituito dall’amministrazione comunale nel 2004 destinato ai cittadini, nati o residenti a Fucecchio, che con la loro opera nel campo della cultura, delle arti, delle scienze, del lavoro, della politica, della filantropia, dello sport, del sociale e nella tutela dei diritti umani, si sono particolarmente distinti. L’istituzione di questo premio è nata dalla volontà dell’amministrazione comunale di assegnare un riconoscimento a chi ha reso un servizio alla comunità, dando così lustro al nome di Fucecchio. Le designazioni per il Leone Rampante possono essere formulate dal sindaco, dalla giunta, dal consiglio comunale, ma anche dalle imprese locali e da cittadini impegnati in attività sociali. Il premio viene assegnato il 3 ottobre, festività di San Candido, Santo Patrono di Fucecchio.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.