Etrusca Basket, il ritorno in campo è contro Cecina

"Abbiamo imparato che non è scontato potersi allenare"

Più informazioni su

La serie B Etrusca torna in campo ufficialmente: incontrerà il Basket Cecina domenica 11 ottobre alle 18 al Palazzetto di via Toscana a Cecina. Due squadre che si affrontano ormai da tantissimi anni in serie B, in un derby che ha prodotto sempre match molto agguerriti, proprio come l’ultimo precedente tra le due squadre: il 26 gennaio 2020, data triste nel mondo del basket che ha segnato la prematura scomparsa del campione Kobe Bryant, quando il pericolo del Covid-19 era ancora lontano.

L’Etrusca e Cecina quel giorno hanno dato vita ad un match bellissimo, conclusosi con la vittoria dei ragazzi di coach Barsotti dopo un tempo supplementare. Sono passati mesi da questa data e il match ha oggi il sapore del ritorno in campo: da una parte la Blukart ha cambiato pochissimo nel proprio roster, con le partenze di Moretti, Enihe e Morciano e gli arrivi di Lorenzetti e Santini, confermando così buona parte della squadra che aveva conquistato la vetta della classifica prima del lockdown. Cecina invece ha rivoluzionato la squadra: via Gay, Turini, Salvadori, Banti e Guaiana, in entrata Nwokoye, Bartoli e Di Meco, insieme a tanti giovani di prospettiva nazionale e cresciuti nelle giovanili cecinesi. Una squadra giovane e frizzante, che farà dell’intensità e del talento offensivo la principale arma nell’agguerrito girone A della serie B nazionale.

“In queste cinque settimane di allenamento – le prime parole di coach Barsotti – continuo a ripetere ai ragazzi un paio di cose: la prima è che ogni giorno che ci alleniamo dobbiamo viverlo col massimo entusiasmo, perché abbiamo imparato che non è scontato poterlo fare. La seconda è che occorre pazienza, perché molte cose in questo momento sono diverse dalla routine del recente passato. Ma tutti questi disagi finiranno domenica, al momento della prima palla a due ufficiale della stagione: sappiamo di essere ancora in fase di preparazione, non al top, ma sicuramente metteremo in campo tutta la voglia di giocare accumulata in questi mesi.

Venendo a questa Supercoppa, posso dire che il gironcino è la fotografia perfetta di quello che sarà il girone A del campionato: abbiamo una trasferta difficile a Cecina contro una squadra giovane e agguerrita, piena di talento ed atletismo. Poi seguiranno due gare contro vere e proprie corazzate, che per costruire il roster si sono rivolte ai giocatori di Legadue o ai top players di serie B. Quindi un girone di Supercoppa di livello molto alto, come lo sarà il girone di campionato che quest’anno vede almeno 4-5 formazioni in grado di competere per la Legadue, avendo investito un budget doppio o triplo rispetto a quello della media delle squadre di serie B. Da parte nostra corriamo il rischio che l’aver confermato gran parte del roster della scorsa stagione possa trarre in inganno su quelli che devono essere le nostre ambizioni: le numerose vittorie dell’anno passato ci danno la consapevolezza che la strada intrapresa era quella giusta, ma sarebbe presuntuoso pensare che quei risultati siano per noi la normalità degli eventi. Come nostra tradizione le potenzialità che abbiamo ci permettono di partire da veri e propri outsider, e starà a noi, tramite la nostra ambizione, la nostra passione e la nostra mentalità riuscire a centrare quelle vittorie che ad inizio anno sembrano impossibili.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.