Etrusca San Miniato, dopo l’exploit con Livorno arriva Cecina

Partita ricca di insidie, coach Barsotti mette in guardia i suoi

Non c’è tempo di festeggiare il bel successo contro Livorno del giorno dell’Epifania per l’Etrusca San Miniato che domenica (10 gennaio) alle 18 al PalaCreditAgricole si torna sul parquet per la difficile sfida con Sintecnica Basket Cecina.

Una sfida che storicamente ha sempre dato vita a gare di grande equilibrio ed avvincenti, spesso risolte all’ultimo tiro o dopo un supplementare. Entrambe le squadre arrivano al match di domenica dopo un successo: la squadra di coach Barsotti è riuscita a fermare la prima della classe di Livorno, mentre Cecina è riuscita a strappare i due punti nella gara casalinga con Use Empoli, conquistando così il secondo successo stagionale, dopo quello con Ozzano nella terza giornata.

La squadra allenata da coach Roberto Russo è una squadra giovane, con tanti prospetti di interesse nazionale. Il top scorer dopo le prime cinque gare è Saverio Bartoli, guardia-play classe 2000, che viaggia a quasi 16 punti di media a partita. Sempre in doppia cifra ci sono il tiratore micidiale Pistillo, insieme al lungo Di Meco, proveniente da Valsesia. Sempe sugli esterni Cecina può contare su giocatori giovani e di talento come Gnecchi, Guerrieri, Ceparano, Greggi e Trassinelli, mentre sotto le plance si affida alla forza fisica di Nwokoye e, dalla panchina, ai centimetri di Filahi. Una delle squadre più giovani del panorama della serie B nazionale, che gioca un basket spavaldo, in una gara che si preannuncia di grande ritmo e spettacolarità per l’Etrusca.

“Siamo consapevoli che la partita con Cecina è decisamente insidiosa e sono i fatti che lo dimostrano – sono le prime parole di commento alla gara di coach Federico Barsotti – Lo scorso anno abbiamo subito l’unica sconfitta casalinga proprio contro i livornesi e a Cecina fu una lotta vinta ai supplementari. Anche in questa stagione in Supercoppa siamo stati sconfitti e quindi non credo ci sia molto altro da aggiungere. Dobbiamo essere bravi ad interpretare la gara, perchè sono una delle poche compagini che può sostenere i nostri ritmi ed in più hanno maggior fisicità ed atletismo di noi in diversi ruoli chiave. Dopo aver affrontato la squadra più esperta del girone A2 ci troveremo davanti quella più giovane, ma abbiamo ben chiaro che il tasso di difficoltà per noi non sarà minore. Conosco la serietà e la maturità dei miei ragazzi e sono sicuro che ce la metteranno tutta per regalare un’altra gioia ai nostri tifosi.”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.