Quantcast

Basket, domani il derby tra l’Etrusca e Use Empoli

Il coach Barsotti: " Vincerà chi riuscirà a imporre la propria identità"

E’ tempo di derby per l’Etrusca che domani (sabato 6 febbraio) alle 18 sarà in scena al PalaLazzeri di Empoli contro la Computer Gross USE Empoli. Una sfida che da sempre ha offerto gare equilibrate e grande spettacolo, in un match sentito da entrambe le parti, giocato sempre ad altissimi livelli di agonismo.

Diverso l’andamento in campionato tra le due compagini in questa stagione: da una parte la Blukart che continua a volare in cima alla classifica, con solo una sconfitta al passivo da inizio stagione e collezionando sei vittorie consecutive nelle ultime gare. Dall’altra USE che, con 8 punti in classifica, ha stentato fino ad oggi a trovare continuità di risultati, soprattutto contro le squadre più blasonate del girone. La squadra di coach Alessio Marchini è stata rivoluzionata a inizio stagione e sta trovando lentamente, partita dopo partita, identità e amalgama. Tra i nuovi arrivi, può contare su tre esterni di indiscussa qualità come il play Villa, la guardia Ingrosso e l’ala Turini, mentre dalla panchina può contare sulla freschezza e la sfrontatezza dei confermati Vanin e Antonini. Sotto le plance invece la squadra si affida all’esperienza e al talento di Restelli, insieme ai centimetri di Crespi. Il reparto lunghi si completa con capitan Sesoldi e con il giovane Falaschi.

Nella gara di andata fu l’Etrusca a prevalere a Fontevivo, alla fine di una gara dai due volti, con un ampio dominio degli empolesi nella prima parte e una rimonta dei ragazzi di coach Barsotti nella seconda parte di gara, fino al risultato finale di 77 a 69. “Mi aspetto una partita durissima – le parole di coach Barsotti – perchè Empoli, com’era prevedibile, sta crescendo di partita in partita, trovando amalgama, dopo aver rivoluzionato la squadra in estate. All’andata fu una partita difficile, che ci vide sotto anche di 17 punti e fu un’autentica impresa rovesciare la gara. Le squadre si conoscono bene e sappiamo quali sono gli aspetti di Empoli da dover contenere, su tutti il talento degli esterni che possono accendersi improvvisamente e fare canestri difficili. Ma sappiamo anche che la nostra intensità può essere mal digerita dai nostri avversari. Chi pensa a questa partita guardando la classifica si sbaglia di grosso: in questa stagione, appena abbassi la guardia, ti trovi in grandi difficoltà. Ne abbiamo pagato le conseguenze a Ozzano e stavamo per compromettere la partita domenica scorsa. I miei ragazzi devono solo pensare ad allenarsi al massimo per poi giocare le partite al meglio delle proprie possibilità. Se non giochi bene perdi sempre in questo girone, questo ormai è chiaro a tutti. E sarà così anche ad Empoli: vincerà chi riuscirà a imporre la propria identità, e noi faremo di tutto per riuscirci”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.