Quantcast

Etrusca Basket per la prima volta in semifinale play off

Vigevano va ko

Blukart Etrusca San Miniato – ELAchem Vigevano 1955 80 – 68

Blukart: Carpanzano 19, Bellachioma, Neri 14, Lorenzetti 10, Santini 8, Ciano ne, Ermelani ne, Regoli 2, Benites 6, Capozio 5, Quartuccio 6, Tozzi 10. All. Barsotti Ass. Carlotti, Miniati e Latini

Vigevano: Bugatti 8, Borsato 11, Rossi 12, Passerini 10, Cucchiaro 3, Mazzucchelli 17, Tassone 2, Bevilacqua, Rosa ne, Giorgi 5. All. Piazza Ass. Veneroni e Cerri

Parziali: 18 – 19, 35 – 34, 57 – 53, 80 – 68

Arbitri: Mauro Davide Barbieri e Federico Berger di Roma

La Blukart non fallisce il primo match point casalingo, supera Vigevano nella serie per 3 a 0 e conquista per la prima volta nella sua storia una semifinale playoff per l’accesso alla serie A. Una partita combattutissima fin dalle prime battute, con l’Etrusca che trova un primo vantaggio di 6 punti con Quartuccio, ma Vigevano sa rispondere con tenacia e riesce a chiudere il primo quarto avanti di 1 punto, grazie a una grande prova di Passerini. Il secondo quarto procede sul filo dell’equilibrio con Vigevano che trova il massimo vantaggio di 6 punti sul 24 a 30, grazie a Borsato e Mazzucchelli, ma i ragazzi di coach Barsotti sono bravi a ricucire prontamente, con i canestri di Neri e Santini, riuscendo a chiudere avanti di una lunghezza all’intervallo lungo, sul 35 a 34.

Al rientro dagli spogliatoi l’Etrusca riesce a mantenere il vantaggio di un possesso, nonostante la prova sontuosa dell’ex Mazzucchelli, per lui 17 punti a fine gara. Per i locali rispondono Tozzi e Carpanzano, quest’ultimo miglior marcatore della gara con 19 punti, riuscendo così ad iniziare l’ultimo quarto sul +4, sul 57 a 53. Nell’ultimo quarto Benites e compagni riescono a dare il break decisivo alla gara, con i canestri di Carpanzano, Neri, Capozio e Tozzi che spezzano la resistenza dei lombardi, che cedono il passo della semifinale all’Etrusca, dopo una serie superata con merito con un netto tre a zero. Per la Blukart è il punto più alto della storia, con una semifinale playoff per la serie A mai raggiunta e tutta da giocare contro una favorita per la promozione in serie A come Umana Giobbe Chiusi. “Devo ammettere che sono senza parole, perché non mi capacito ancora bene di quello che abbiamo fatto – commenta  a fine gara di coach Federico Barsotti -. Da due anni inseguivamo questo risultato, un risultato che è una pagina storica indelebile per l’Etrusca e sono veramente contento per questi ragazzi, che se lo meritavano in maniera straordinaria. Quando li ho visti entrare in campo prima della partita con il sopramaglia con la dedica a Edoardo Caversazio sapevo che ce l’avremmo fatta: tutti oggi hanno moltiplicato gli sforzi per sopperire alla sua assenza, segno di un gruppo con dei valori straordinari. La gara per certi aspetti è stata la fotocopia delle prime due gare: una serie tiratissima, dall’alto tasso agonistico, che ha premiato la nostra intensità e applicazione sui 40 minuti, contro un avversario di altissimo livello come Vigevano. Ora qualche giorno di meritato riposo e poi sotto con una semifinale storica con una squadra fortissima come Chiusi, una serie da affrontare con incoscienza e spirito d’impresa.”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.