Quantcast

Per una caduta sfuma il sogno del sanminiatese Peccianti agli Italian Roller Games foto

Nella top 20 i velocisti del Gruppo Pattinaggio San Miniato. Coach Papa: "Sotto il profilo mentale abbiamo vinto"

Ottima la partenza delle gare su pista, che avevano fatto guadagnare subito la prima finale, ma poi la caduta: sfuma il sogno di Alessandro Peccianti del Gruppo Pattinaggio San Miniato agli Italian Roller Games 2021 di Riccione. Nonostante la grande carica e la volontà di esprimere tutto il suo valore, è stato coinvolto in una bruttissima caduta che ha compromesso tutto il campionato. Un grande peccato. Lo hanno “vendicato” i compagni Edoardo Cavarretta e Filippo D’Alloro che nella 500 sprinti si sono entrati nella top 20.

Italian Roller Games è stato l’evento nazionale federale che include e sostituisce i campionati italiani di tutti gli sport Rotellistici. A partire dai primi di giugno oltre 50mila persone tra atleti tecnici accompagnatori hanno invaso il territorio di Riccione, comune organizzatore. Le competizioni si sono svolte su due tipi di superficie: pista sopraelevata sul suolo di Senigallia e circuito stradale nel pieno centro di Riccione. Il Gruppo Pattinaggio San Miniato si è presentato a questa manifestazione pronto con gli atleti Alessandro Peccianti e Edoardo Cavarretta per la categoria Allievi e Filippo D’Alloro per la categoria Juniores. Con tutti gli atleti nuovi di categoria, dovendo affrontare gare più lunghe e avversari più grandi, la squadra guidata dal coach Enrico Papa, si è dimostrata in grado di mantenere un livello di concentrazione e agonismo molto elevati.

Mentre Peccianti dopo la caduta è rimasto accanto al coach alla balaustra, i due velocisti D’Alloro e Cavarretta hanno ‘vendicato’ il loro compagno infortunato piazzandosi nella 500 sprint nella top 20. Anche su strada, nonostante la stanchezza di 4 giorni di gare, gli atleti hanno tenuto duro classificandosi 15esimi nella team sprint e affrontando una maratona sempre nella parte medio alta del gruppo, giocandosela fino all’ultimo metro.

“Il campionato è andato bene, abbiamo ricevuto le risposte che volevamo – queste le parole del coach Enrico Papa che indica la strada per i prossimi appuntamenti, il trofeo ad Imola e la tre giorni a Santa Maria Nuova -. Atteggiamento e volontà. Come tutti veniamo fuori da un periodo strano incostante come preparazione a causa delle restrizioni, pertanto era molto importante valutare i ragazzi sotto l’aspetto prestazionale, si, ma anche e soprattutto in quello mentale. E qui abbiamo vinto”.

“Con orgoglio portiamo in giro per l’Italia il comune di San Miniato – conclude Papa, che ha una lunghissima tradizione di pattinaggio corsa, e i nostri partner. È stato bellissimo vedere Riccione, viale Ceccarini, via Dante il lungomare pieno di pattinatori e di campioni. In tanti erano curiosi, in primis i bambini, perché il pattinaggio velocità piace”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.