Quantcast

Cuoiopelli riacciuffa un punto con il Cenaia, ko Tuttocuoio e Fucecchio foto

Schiaffo ai neroverdi dalla Colligiana, i bianconeri fanno un figurone con la corazzata Livorno

Colligiana-Tuttocuoio 3-1

COLLIGIANA: Chiarugi, Doda, Piochi (29’ st Gambassi), Ciardini, Tognarelli, Pietrobattista, Torricelli (36’ st Cito), Silvestri, Napoli (43’ st Mugnai), Calamassi (48’ st Logi), Milanesi (22’ st Cianciolo). A disp. Bacciottini, Logi, Di Leo, Sitzia, Trotta. All. Molfese

TUTTOCUOIO: Muscas, Deligio (34’ st Ruggiero), Bertolucci, Vittorini, Rodriguez, Fino, Franzino (40’ st Chiti), Puviani, Agudiak, Wagner (1’ st Lazzarini), Azzinnari (1’ st Orlandi). A disp. Belli, Fiscella, Canale Molin, Bartorelli, Muratore. All. Marmugi
ARBITRO: Nannelli del Valdarno (Cerofolini di Arezzo e De Matteis di Empoli)
RETI: 3’ pt Calamassi, 16 pt e 42’ pt rig. Napoli, 42’ st Agudiak
NOTE: Ammoniti Agudiak, Piochi, Puviani, Napoli

Secca sconfitta al “Gino Manni” per i ragazzi di Marmugi caduti sotto i colpi di Napoli autore di una doppietta. Il successo dei valdelsani ha preso forma nel primo tempo e dopo un quarto d’ora la gara appariva largamente compromessa. I biancorossi sbloccano dopo 3 minuti con Calamassi che direttamente dalla bandierina, con la complicità del vento?, sorprende Muscas. Prova a replicare la squadra Marmugi prima di cadere poco dopo il quarto d’ora sull’incornata di Napoli imbeccato da Torricelli. L’unico squillo vero e proprio arriva poco prima della mezz’ora ma Agudiak manca l’appuntamento sull’assist di Franzino. Il sipario cala definitivamente a 5 minuti dalla pausa quando il contatto tra Vittorini e Napoli, è sanzionato con la massima punizione, trasformata dall’ex attaccante del Prato. Nella seconda parte cerca in qualche maniera la squadra nero-verdi di accorciare le distanze ma non riesce a creare problemi dalle parti di Chiarugi, è Muscas ad evitare la capitolazione su un azione di rimessa conclusa da Torricelli. Un tocco di Agudiak a battere sul tempo Chiarugi regala la rete della bandiera ai pontaegolesi, i quali quando perdono vedi la sconfitta in Coppa con il Fratres Perignano lo fanno in maniera ampia. Domenica a Leporaia arriva il Ponsacco, altra squadra della Valdera, e Fino e soci dovranno cambiare registro. 

Cuoiopelli-Cenaia 3-3

CUOIOPELLI: Lampignano, Boghean (9’ st Iannello), Martinelli (12’ st Cornacchia), Balduini, Martini, Alderotti, Zocco (12’ st Dal Poggetto), Borselli (34’ st Bracci), Falchini, Pirone, Rossi (12’ st Accardo). A disp.: Poli, Bagnoli, Chelini, Bonfanti. All. Marselli

CENAIA: Simoncini, Rossi, Cecchetti (21’ st Tammaro), Papini, Carlucci, Matteoni (24’ st Signorini), Hepaj (29’ st Favilli), Caciagli, Cutroneo, Remedi A., Freschi. A disp.: Baroni, Paoli, Signorini, Pulizia, Tammaro, Gambini, Favilli, Allajsufi, Fornaciari. All. Macelloni
ARBITRO: Mariani di Livorno (Scipione di Firenze e Toschi di Livorno
)
RETI: 21’ pt Remedi, 32’ pt Falchini, 3’ st Remedi, 10’ st Cutroneo, 21’ st Alderotti, 38’ st Bracci
NOTE: Al 38’ st Simoncini respinge un calcio di rigore calciato da Falchini. Ammoniti: 41’ Cutroneo e Alderotti, 6’ st Papini, 41’ st Carlucci, 43’ st Caciagli, 44’ st Cornacchia. Espulso: 35’ st Bachi (CU preparatore atletico proteste). Recupero 1° tempo 2, 2° tempo 5’. Gara giocata al “Silvano Buti” per i lavori al manto erboso del “Libero Masini”

Con un finale di carattere la Cuoiopelli riesce a raddrizzare una gara largamente compromessa dopo 11 minuti del secondo tempo. La scossa è arrivata dai campi proposti da Marselli, i subentrati oltre alla qualità hanno messo in campo determinazione e agonismo e quella voglia di mettersi in luce a tutti i costi che ha permesso ai conciari di arrivare al pareggio.

È un 4-3-2 quello che propone il tecnico di casa con Pirone, Falchini e Rossi come terminali d’attacco. Si muove su un 3-5-2 l’ex Macelloni che alza i laterali Rossi e Cecchetti quando spinge e li abbassa quando deve difendere. Cutroneo e Remedi sono pronti ad offendere e saranno una spina nel fianco.

Nella prima parte del tempo si segnala un piazzato di Martini, allontanato da Simoncini e quello di Cutroneo assorbito da Lampignano. A metà tempo gli ospiti passano. Martinelli di testa sfiora un calcio di punizione che costringe Lampiganno ad inarcarsi e sull’angolo che ne scaturisce Remedi appostato sul secondo palo si avventa di testa sblocca la sfida. Dopo la mezz’ora la Cuoio pareggia. Simoncini allontana la pregevole girata di Pirone e la ribattuta di Zocco prima di capitolare sull’incornata di Falchini. Una ribattuta di Lampignano sul temibile Remedi anticipa l’intervallo.

Così come era avvenuto a Livorno, rimane un po’ troppo negli spogliatoio la truppa di Marselli che in un batter d’occhio si trova sotto di due gol. Remedi di prima rovescia in rete un assist di Cecchetti e dopo che Cutroneo aveva fallito il terzo gol, arriva il calcio di rigore per un tocco di mano di Martinelli. Cutroneo non sbaglia andando così in gol per la quarta domenica consecutiva. Marselli richiama Rossi, Zocco e Martinelli mandando in campo Accardo, Dal Poggetto e Cornacchia.

I tre entrano in partita nella maniera migliore dando un determinazione superiore. Alderotti trasforma in gol un tiro dalla bandierina andando a prolungare una traiettoria di testa. La gara si accende da una parte c’è la voglia di completare l’opera avviata, dall’altra il desiderio di evitare di venir riacciuffati nuovamente. Un contatto tra Favilli e Dal Poggetto è sanzionato con la massima punizione, Falchini va di forza e Simoncini con i piedi respinge, Bracci con un tocco volante insacca festeggiando il suo secondo gol in campionato per la seconda domenica consecutiva. I due ex conciai, il terzo era Rossi, Caciagli e Remedi confezionano l’ultima chance della gara ma sul lancio millimetrico del centrocampista, Remedi scivola al momento di concludere. Rimangono entrambe nei quartieri alti, si dividono la posta in palio e perdendo così la testa della classifica. Il Livorno è già in fuga ma questa non è una notizia è solo la normalità.

Livorno – Fucecchio 3-1
LIVORNO: Pulidori; Franzoni (1’ st Pecchia), Palmiero (44’ st Giampà), Milianti, Giuliani; Gargiulo, Gelsi (29’ st Apolloni), Torromino, Vantaggiato, Durante (13’ st Fontana); Ferretti (41’ st Pulina). A disp. Fontanelli, Ghinassi, Nunzi, Bellazzini. All. Buglio
FUCECCHIO: Del Bino; Nardi, Canali, La Rosa, Giometti (1’ st Marianelli), Bulli (25’ st Cenci), Marcon, Bruchi (33’ st Ferraro); Folegnani (25′ pt Duccini), Masoni, Rigirozzo (35’ st Di Biase). A disposizione: Mannucci, Ghimenti, Masoni. All. Cipolli
ARBITRO: Labruna di Pontedera (Lombardi di Pontedera e Gallà di Pistoia)
RETI: 18′ pt Ferretti, 21′ pt Vantaggiato, 31′ pt Rigirozzo, 5′ st Gargiulo
NOTE: ammonito: 41’ Giometti, Angoli: 8 – 2. Recupero 1° tempo 2’, 2° tempo 5’. ‘

Era preventivabile una sconfitta in casa della squadra che in questa categoria non ha nulla a che fare. Il Fucecchio è uscito dall’Ardenza a testa alta, mettendo in soggezione l’Armata Amaranto per 20 minuti. Disattenzioni proprie e bravura dei labronici hanno confezionato l’uno – due dei labronici con il rischio di subire una sconfitta di ampie proporzione. I ragazzi di Cipolli hanno tirato fuori l’orgoglio è hanno riparto 10 minuti più tardi la gara grazie a Rigirozzo che capitalizzava al meglio un rilancio di Del Bino con il Livorno che si faceva sorprendere nella circostanza. Immediatamente dopo i ragazzi di Cipolli andavano ad un passo dal pareggio quando Marcon, ottima la sua prova, colpiva l’incrocio dei pali con una sventola dai 25 metri. In avvio di ripresa direttamente da calcio d’angolo Gargiulo batteva Del Bino aiutato anche dal vento, riportando così i labronici a distanza di sicurezza. Di fatto la gara si chiudeva qui, un paio di intervento di Del Bino evitavano al Livorno di centrare il poker. È stato un altro Fucecchio rispetto alle ultime esibizioni, a Livorno è arrivata la prestazione, domenica al “Corsini” con l’Atletico occorrerà anche fare punti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.