Eccellenza, ride solo il San Miniato corsaro a Perignano

Ko a Certaldo per la seconda della classe Cuoiopelli. Fucecchio senza reti con la Colligiana

Certaldo-Cuoiopelli 2-1

CERTALDO: Orsini, Orsucci, Vecchiarelli, Pampalone, Olivieri (41’ st Bandini), Razzanelli, Adelucci, Bernardini (33’ st Zanaj), Baccini (33’ st Corsi), Nuti, Kouko. A disp. Di Furia, Biagini, Igbineweka, Volpini, Dini, Martini. All. Ramerini

CUOIOPELLI: Lampignano, Iannello (1’ st Boghean), Accardo (32’ st Bagnoli), Balduini, Zocco, Giordano (32’ st Dal Poggetto), Cornacchia (18’ st Rossi), Borselli, Falchini, Cavallini, Bracci (18’ st Martini). A disp. Lensi, Conti, Passerotti, Baroncini. All. Marselli 
ARBITRO: Bonasera di Enna (Luzi e Scanu del Valdarno)

RETI: 22’ pt Kouko, 17’ st rig.Baccini, 49’ st Cavallini
NOTE: Ammoniti 35’ pt Borselli, 36’ pt Olivieri, 17’ st Falchini
Si interrompe da dove cominciò la striscia positiva della Cuoiopelli dopo 12 risultati utili consecutivi. Il Certaldo ha potuto festeggiare nella maniera migliore il ritorno davanti al proprio pubblico con una vittoria. Una Cuoiopelli sotto tono quella che si è esibita sul campo sussidiario sintetico di Certaldo, arrivata in Valdelsa senza la coppia centrale Chelini-Martinelli. Ha tratto in inganno l’avvio confortante della vice-capolista che aveva costretto Orsini alla respinta su Bracci per poi compiere un ottimo intervento su Cornacchia. Con il trascorrere della partita la squadra di Marselli è sembrata sempre più lenta, macchinosa dando vita ad una gara opaca. Lo dimostra la mancanza di reazione dopo essere andata sotto per la rete di Kouko bravo a finalizzare uno spunto di Braccini. Dopo l’ ora di gioco Braccini trasformava un calcio di rigore a fil di palo per un intervento irruento commesso da Giordano sullo stesso giocatore di casa. Solo quando i titoli di cosa avevano iniziato a scorrere arrivava il terra-aria di Cavallini che serviva come gol della bandiera.

Fratres Perignano-San Miniato Basso 0-2

FRATRES PERIGNANO: Borghini, Lucarelli, Falleni, Gamba, Genovali, Aliotta, Aquilante (29’ st Pini), Vignali, Taraj (12’ st Andolfi), Remedi (29’ st Seghi), Sciapi. A disp. Iacoponi, Pennini, Parenti, Fabbrini, Angiolini, Pini, Pruneti. All. Ticciati

SAN MINIATO BASSO: Battini, Pagliai, Liberati (47’ st Romeo), Lecceti, Petri, Cela, Di Benedetto, Nolè (43’ st Gargini), Mancini (23’ st Mhilli), Demi (45’ st Borgioli), Kthella (29’ st Ciravegna). A disp. Giannangeli, Bartoli, Taddei, Chiaramonti. All. Collacchioni 
ARBITRO: Masi di Pontedera (signorina Scipione di Firenze e Ballotti di Pistoia
)
RETI: 29’ pt Kthella, 16’ st rig. Mancini.
NOTE: Angoli 3-3. Ammoniti 28’ pt Lucarelli, 37’ pt Nolè, 43’ pt Demi, 18’ st Lecceti, 28’ st Andolfi, 46’ st Gargini. Recupero 1° tempo 1’, 2° tempo 5’
Pronto riscatto del San Miniato Basso che si impone al “Mauro Matteoli” di Perignano con una rete per tempo. I ragazzi di Collacchionbi hanno vinto grazie ad una gara intelligente nella quale sono stati capaci di saper convivere anche con il fattore Vento, nemico nella prima parte e alleato nella seconda.
Nel primo tempo si è sgolato il tecnico Collacchioni per chiedere ai suoi di stare stretti per non permettere ai locali di poter cercare la palla lunga approfittando del fattore meteorologico per poi approfittare degli spazi che i padroni di casa concedevano sbilanciandosi in avanti. Dopo un azione di alleggerimento finalizzata da un incornata debole di Mancini, l’unico pericolo vero di tutta la gara la squadra ospite lo ha corso quando la sfida era entrata nella seconda metà del primo tempo. Gamba era più deciso nel contrasto rispetto ad un tenero Di Benedetto e lasciava partire da fuori area una sventola che Battini sporcava sulla traversa e dal corner che ne derivava per poco non arrivava il ribaltone del San Miniato vanificato da Lecceti bravo si a involarsi a campo aperto ma altrettanto impreciso nel servire i compagni dell’attacco. Un minuto prima della mezz’ora la gara si sbloccava con Kthella svelto a girare in porta una corta respinta susseguente ad un punizione di Demi. L’unica risposta perignanese arrivava con un piazzato del solito Gamba che allungato dal vento toccava l’incrocio dei pali prima di terminare sul fondo. Al quarto d’ora del secondo tempo il calcio di rigore che di fatto chiudeva con largo anticipo i giochi. Aliotta commetteva fallo su Kthella e Mancini dal dischetto metteva in ghiaccio la sfida. Battini non correva mai pericoli ma dava sicurezza al reparto imponendosi in presa alta su un paio di palle a spiovere, l’unico difetto in un gara gestita sapientemente derivava dalla mancanza di cattiveria nel cercare il terzo gol, in successione Di Benedetto con un tiro alto, Mhilli con respinta del portiere, un tiro secco di Petri fuori di poco e ancora con Mhilli facevano di tutto per non arrotondare ulteriormente il risultato che rilancia i giallo-rossi in classifica alla luce dello stop della Cuoio a Certaldo e del pareggio del Livorno che all’ultimo istante ha salvato la pelle con l’Atletico Cenaia in quel di Santa Croce.




Fucecchio-Colligiana 0-0

FUCECCHIO: Ubirti, Nardi, Casanova, Falaschi (20’ st Bulli), Lischi, La Rosa, Masoni (15’ st Petova), Marcon, Carnevale, Zefi, Morelli. A disp. Mannucci, Carli, Giometti, Papa, Cenci, Sene, Falconi. All. Lazzerini.
COLLIGIANA: Chiarugi, Logi, Ciardini, Battista, Bianchi, Tognarelli, Sitzia, Liberto (35’ st Souman), Mugnai, Cianciolo (40’ st Milanesi), Cito. A disp. Petrucci, Cirasella, Torricelli, Valci, Bartalini, Finetti. All. Deri
ARBITRO: Buchignani di Livorno (Stella di Grosseto e Cerofolini di Arezzo)
NOTE: Ammoniti 30’ pt Masoni, 35’ pt Mugnai, 10’ st Cito. Espulso 40’ pt Mugnai (C doppia ammonizione)
Non va oltre il pareggio il Fucecchio nello scontro diretto contro i valdelsani, rimandando l’appuntamento con i tre punti che in casa manca dal 31 ottobre quando il Ponsacco venne battuto per 3-1. E’ stata una sfida tutt’altro che emozionante, nella quale potrebbero aver inciso i punti per la loro pesantezza. Il rammarico maggiore per i padroni di casa è stato quello di non aver saputo sfruttare l’uomo in più per 50 minuti, da quando gli ospiti sono rimasti in 10 per l’espulsione per doppio giallo di Mugnai.I locali hanno giocato con il freno a mano tirato, l’undici da Lazzerini ha avuto per tutto il secondo tempo la supremazia del confronto ma questa si è rileva sterile. Un occasione persa alla luce anche del pareggio che nella giornata di sabato era scaturito dal pari nell’altro scontro diretto per la salvezza tra Castelfiorentino e Ponsacco Proprio quest’ultima formazione sarà l’avversario dei bianconeri nel prossimo turno in una partita dove non sono ammessi errori.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.