San Miniato Basso, si inizia a lavorare per una stagione ambiziosa: “Vogliamo fare meglio dell’anno scorso”

L'allenatore giallorosso è Claudio Targetti

Sono passati 92 giorni da quell’1 maggio 2022 quando la stagione del San Miniato arrivò al capolinea nella finale playoff persa con la Cuoiopelli in quel di Montelupo.

Sono cambiate alcune cose dalla festa dei lavoratori. Il timone dei giallorossi è stato affidato a Claudio Targetti tecnico che arriva proprio dal luogo in cui si chiuse la stagione.

Mister lei lo scorso anno ha vinto campionato e coppa con il Montespertoli, il suo target è lo stesso della società?
“Sarà un San Miniato ambizioso costruito per fare bene. Il nostro obbiettivo è quello di centrare i playoff. Vorremo migliorare la posizione raggiunta lo scorso anno”.

Dove siete arrivati secondi insieme alla Cuoiopelli, sfavoriti dallo scontro diretto. In definitiva o arrivate secondi da soli oppure vincete il campionato?
“Tutto sarà legato alla presenza del Livorno e questo lo sapremo a fine mese. È una situazione che in passato ho già vissuto quando allenavo il Fucecchio e in questo girone c’era il Grosseto”.

Quattro fidi scudieri arrivano dal Montespertoli, quali sono i motivi dell’acquisizione?
“Si parla di giocatori validi, che conoscono le metodologie di lavoro e sanno già quello che chiedpalla squadra. Ti aiutano in ogni reparto, una valutazione che riguarda non solo Menichetti e Sabatini ma che va estesa anche a Nolè. Devono essere un punto di riferimento di integrazione e di crescita per i giovani che ci sono. Sono figure sempre positive e costruttive all’interno di uno spogliatoio. Qui ci sono dei 2003 e dei 2004 che devono crescere ai quali bisogna dare il tempo per farlo”.

Lo scorso anno il San Miniato rimase ai blocchi di partenza all’inizio, se fosse partito meglio chissà come sarebbe andata a finire. Anche allora ci fu il cambio di sistema dovuto al nuovo allenatore.
“Con i se e i ma non si va da nessuna parte. Prima che inizi il campionato tutti si pensa di avere fatto la squadra migliore, poi va dimostrato sul campo. Bisogna ragionare tutti con la stessa testa, creare un gruppo che abbia unità d’intenti”.

Questo va al di là della tattica.
“Lavoriamo e abbiamo allestito la squadra per questo. La nostra è una rosa composta da vecchi e giovani che possono darti in qualsiasi reparto la possibilità di scelta, sono competitivi tra di loro. Dovrà esserci il giusto atteggiamento anche di chi va in panchina. Questa squadra è la migliore che potevo avere in questo momento a San Miniato”.

In definitiva il subentrante deve dimostrare al tecnico che può avere sbagliato le scelte.
“I cinque cambi ti danno modo di poter avere molte alternative”

Il vostro parco attaccanti vi costringe a giocare con il tridente?
Penso che sia una nostra prerogativa. Anche qui le soluzioni non mancano, puoi partire con due giovani e un vecchio o viceversa. L’intelligenza sta nella testa. Lo scorso anno a Montespertoli siamo riusciti in questo. Il nostro obbiettivo è puntare alla Coppa e al campionato, in modo da sfruttare l’intera rosa a disposizione. Questo lo capiremo più avanti a maggio o giugno, o forse a dicembre”.

Perché a dicembre?
“Se non ci sarà bisogno di intervenire sul mercato vuol dire che abbiamo lavorato bene”

Intanto tra un mese o poco più conosceremo il destino del Livorno. Tutto è legato alla presenza degli amaranto in questo girone per capire quale tipo di stagione si prospetta?
“È chiaro che se c’è ancora il Livorno, questa rimane la squadra da battere. Sicuramente torneremo ad un campionato a 16 squadre, sarà un campionato bello e duro. Cuoiopelli, Perignano, Camaiore sono tutte squadre attrezzate”.

Tra gli acquisti, qual è quello che la rende particolarmente felice?
L’arrivo di Francesco Malanchi. Mercoledì ho provato a chiamarlo e il sabato mi ha dato la disponibilità”.

Quanto ha influito il vostro trascorso a Fucecchio?
Ha esordito a diciotto anni con me in un derby a Santa Croce sull’Arno (13 gennaio 2019) e tutti sapete quante pressioni ci siano nella classica del Cuoio. Era stato avvicinato da altre squadre, ma il fatto che abbia voluto venire con me mi ha riempito di soddisfazione”

Rispetto alle altre squadre del Cuoio, iniziate con una settimana d’anticipo. Avete bisogno di maggior tempo per oliare il meccanismo?
“Partiamo prima per fare le cose con calma. Iniziamo a lavorare con la nostra prerogativa. Lo scopo sarà quello di fare risultati divertendoci”

Impresa fattibile.
“Tornate a chiedermelo tra un mese”

La rosa

Portieri: Alessio Lampignano dalla Cuoiopelli, Filippo Giannangeli, Thomas Neri classe 2004 dal Limite, Duccio Fionnovelli classe 2005

Difensori: Alessandro Cela, Mathias Boghean classe 2003 dalla Cuoiopelli, Filippo Innocenti classe 2004 dal Pisa Primavera, Gabriele Romeo classe 2003, Giacomo Menichetti dal Montespertoli, Pietro Scarselli classe 2005 dal Tau Calcio Altopascio, Niccolò Pagliai classe 2002, Alessio Sabatini dal Montespertoli, Matteo Tigrano classe 2004

Centrocampisti: Alessio Anichini dal Montespertoli, Francesco Malanchi dal Cascina, Matteo Nolè, Leone Orlando classe 2003 dal Ponsacco, Francesco Re, Rocco Di Benedetto, Francesco Salliu classe 2004 dal Pisa Primavera lo scorso anno all’Aglianese, Leonardo Tremolanti

Attaccanti: Monsef Bourezza dal Montespertoli, Matteo Bracci dalla Cuoiopelli, Brando Ciravegna classe 2002, Lapo Vanni classe 2005, Niccolò Chiaramonti, Amedeo Taddei classe 2004, Tito Marabese dal Figline

Staff tecnico

Allenatore: Claudio Targetti
Allenatore in seconda: Riccardo Bacciarelli
Allenatore dei portieri: Daniele Balli
Preparatore atletico: Mirko Pucci
Massaggiatore: Corradino Bimbi
Match Analyst: Francesco Serafini

Direttore generale: Maurizio Geri
Direttore sportivo: Alessio Pardini
Addetto stampa: Luca Leggerini

Programma amichevoli

10 agosto: Pisa Primavera-San Miniato Basso
13 agosto: Poggibonsi-San Miniato Basso
20 agosto: a Monteboro Empoli Under 18-San Miniato Basso
24 agosto: San Miniato Basso-Pontassieve
27 agosto: Real Cerretese-San Miniato Basso

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.