Unicoop ristruttura Castelfranco, in forse San Miniato

Unicoop Firenze annuncia di voler mettere mani sul punto vendita di Castelfranco di Sotto per dare una nuova veste ai locali, rendendoli anche efficienti e sostenibili dal punto di vista ambientale e rilanciarli con nuovi servizi.

La proposta è emersa nella riunione del 27 aprile svoltasi nella sede Unicoop Firenze a Castelfranco dove, alla presenza di circa 80 soci, i responsabili Unicoop hanno parlato degli interventi che apporteranno al supermercato di via Quasimodo. In programma vi sarebbero innanzitutto una completa ristrutturazione sia degli interni che della parte esterna, lavori che partiranno probabilmente nel 2017 e che richiederanno la temporanea chiusura del punto vendita. Lo scopo sarebbe poi quello di creare uno spazio più accogliente per i clienti, ovvero una sorta di supermercato di vicinato in grado di rappresentare, in qualche modo, l’idea della bottega sotto casa: si parla di un’accortezza nell’arredamento tale da rendere i locali più familiari, oltre che di una più ricercata selezione di prodotti freschi e di qualità attraverso reparti come la gastronomia e la panetteria. Gli spazi al primo piano potrebbero accogliere delle attività di pubblica utilità, mentre un occhio di riguardo andrà pure all’aspetto dell’ecosostenibilità della struttura con soluzioni come, ad esempio, l’installazione di pannelli fotovoltaici. La ristrutturazione infine dovrebbe riguardare anche l’area parcheggio. Un progetto innovativo, sul quale si sta ancora lavorando e i dettagli saranno presentati nei prossimi mesi ai soci e con loro dibattuti. Se da un lato, quindi, si prospetta un intervento di rinnovo per la Coop di Castelfranco di Sotto, che riqualificherà anche l’intera area dal punto di vista urbanistico, dall’altro, invece, sembra sfumare il progetto che riguarda l’ampliamento del punto Coop di via Aporti a San Miniato Basso, dapprima concepito con l’attuazione di una nuova costruzione in un’area che si trova all’altezza dello svincolo con la superstrada FiPiLi. Per questioni urbanistiche il progetto originario è ora andato in fumo, ma alcune indiscrezioni avrebbero fatto trapelare la voce di un possibile ampliamento dell’attuale punto vendita Coop di San Miniato Basso in una fusione con gli adiacenti locali di proprietà della concessionaria del Gruppo Scotti, di oltre 3mila metriquadrati. Voci, però, che dal Gruppo Scotti hanno smentito: “Per il momento Unicoop non ci ha mai contattato, quindi possiamo dire che non esiste nessuna trattativa – dice Michele Scotti -. Se fossimo contattati potremmo valutare la questione, magari per un affitto”. A conferma di questo ci sarebbe una nuova strategia di Unicoop Firenze, che sebbene interessata ad investire su un ampliamento del negozio di San Miniato Basso, al momento starebbe valutando anche altri investimenti da fare nell’area del Valdarno.

Serena Di Paola

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.