Ecomostro a Ponte a Elsa, primo incontro verso la rigenerazione

Barnini: "Seguiranno approfondimenti con cui coinvolgeremo anche la scuola e le associazioni della frazione"

Lo scorso novembre l’amministrazione comunale di Empoli ha partecipato al procedimento esecutivo immobiliare acquisendo il complesso residenziale conosciuto come Ecomostro, che si trova a Ponte a Elsa e oggetto di fallimento.

Nei mesi scorsi la sindaco Brenda Barnini si era espressa verso la necessità di acquistare l’area privata da parte del Comune affinché potesse essere recuperata e pensata un’azione di ‘rigenerazione urbana’. Questo è il passato, ma nel presente bisogna iniziare a costruire il futuro. Per farlo, mercoledì 4 marzo alle 21,30 c’è il primo appuntamento alla Casa del Popolo Circolo Arci di Ponte a Elsa.

“Questo primo incontro – spiega Barnini -, a cui poi seguiranno altri approfondimenti con cui coinvolgeremo anche la scuola e le associazioni della frazione, serve ad iniziare il confronto. Nel mentre che l’iter amministrativo per l’acquisizione dal fallimento va avanti, non vogliamo sprecare tempo e iniziare subito a disegnare il futuro di questo spazio. Era uno degli impegni più importanti e difficili che avevamo preso in campagna elettorale e sono molto felice di essere riuscita insieme al lavoro di tutta l’amministrazione comunale a dare una svolta a quella situazione a meno di un anno dall’inizio del mandato. Ciò che per generazioni è stato conosciuto come luogo di degrado diventerà uno spazio di vita e di socializzazione per i cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.