Quantcast

“Perché rompere i giochi dei bambini?” La lettera aperta del prete a un cittadino qualsiasi foto

Don Simone: "Vedere che un bene di tutti viene sciupato mi fa dispiacere"

La questione è prettamente morale: perché violare la proprietà privata e danneggiare giochi per bambini? Sono queste le domande che don Simone Meini, legale rappresentante e prete della chiesa di San Donato di Santa Maria a Monte rivolge a “un cittadino qualsiasi”. Non si tratta di vandali né di furti, ma di rispetto. Ha usato lo strumento della lettera aperta, don Simone, una missiva per svegliare le coscienze non di San Donato o dei sandonatesi, ma di chiunque adotti comportamenti non rispettosi dei beni pubblici, ovunque essi siano.

I vetri e i giochi per i bambini spaccati, il campetto da calcio da chiudere con il lucchetto. Non sarebbe la prima volta che succede, ma il rammarico è che adesso bisogna spendere soldi della parrocchia per cartelli di divieto che potevano essere dati a una famiglia in difficoltà. Di seguito la lettera integrale:

“A te bambino, ragazzo, giovane, adulto o anziano: perché entrare in proprietà privata? Perché rompere i vetri di un bene che è destinato a tutti? Perché rompere i giochi dei bambini? Perché lasciare immondizia di ogni genere? Perché lasciare gli escrementi dei tuoi animali? Perché non avere rispetto di qualcosa che è per tutti, anche per te?

In questi anni si sono degradati gli spazi adiacenti alla chiesa, sicuramente per abbandono della proprietà stessa e questa è la mia colpa (ma ci sono cose più grandi di me e che non sono di mia competenza e ruolo) ma anche per l’inciviltà e la mancanza di rispetto di chi frequenta gli spazi.

Per favore rispetta e tieni puliti questi spazi. Dopo vari richiami da parte di singoli cittadini e di associazioni e per il bene degli spazi stessi sono tenuto per l’amore che nutro per il paese e per ogni singolo paesano a rivolgermi alle autorità competenti nel momento in cui qualcuno oltrepasserà i limiti del pubblico entrando in proprietà privata e del rispetto.

Tutto l’amore che ho ma poi si arriva a dei punti che la pazienza non c’è più perché penso a chi ha dato tempo e soldi per quello che ci circonda e vedere che viene sciupato e rotto questo mi fa dispiacere. Avviso pubblico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.