Quantcast

Una mascherina e una lettera per sensibilizzare: l’Avis di Montopoli cerca donatori di sangue foto

L’incontro con i bambini delle scuole

“Abbiamo pensato di accostare il verbo donare ad un oggetto che è ormai, purtroppo, sinonimo di sicurezza e che certamente può salvare la vita: la mascherina. Abbiamo pertanto realizzato uno speciale dispositivo protettivo adatto ai più piccoli che abbiamo donato ai bambini delle scuole elementari del nostro Comune”. Così l’Avis di Montopoli cerca nuovi donatori, sensibilizzando i grandi con una lettera sull’importanza della donazione e i piccini, che saranno i donatori di domani.

“Il Covid – ha spiegato Sara Matteoli, presidente dell’Avis comunale di Montopoli – nel 2020 ci ha impedito di portare avanti le nostre consuete iniziative per promuovere la donazione di sangue ma ugualmente ci siamo attivati per garantire che negli ospedali non venisse a mancare, proprio in un momento così grave, il sangue necessario a far fronte ai bisogni di tutti i giorni e alle emergenze. I nostri donatori, ma anche tanti che ancora non lo erano, hanno risposto in maniera meravigliosa ai nostri appelli e le donazioni sono addirittura aumentate. Era ciò che serviva.

L’Avis ha poi partecipato alla campagna di raccolta di plasma iperimmune, necessario a combattere gli effetti devastanti del covid, e tanti nostri donatori hanno donato il loro plasma per aiutare la ricerca scientifica a salvare vite umane. Purtroppo, il covid non ci dà tregua ed allora il consiglio direttivo della nostra Sezione ha deciso di fare anche qualcosa di più”.

Ma serviva qualcosa in più, così è arrivata l’idea della mascherina. Si tratta di un dispositivo realizzato in materiale idrorepellente e con trattamento antibatterico, riutilizzabile previo lavaggio,100 percento made in Italy, ideale per proteggere da polveri, batteri, fumo, polline inquinante e dallo scambio di droplets tra persone e inserito singolarmente in una bustina di cellophane.

“Insieme alla mascherina – ha detto Matteoli – abbiamo allegato una lettera, indirizzata alle famiglie, per promuovere la donazione di sangue con allegato un dépliant che spiega perché, e come fare, per donare sangue. La finalità di questa iniziativa è duplice: da una parte promuovere la donazione di sangue presso le famiglie con la speranza che i nostri messaggi di invito a donare possano svegliare le coscienze delle persone in modo da far crescere il numero dei donatori, (fondamentali per rispondere alla crescente richiesta di sangue e plasmaderivati, ancora insufficienti a garantire i fabbisogni dei nostri ospedali) e dall’altra, farci conoscere e apprezzare dai più piccoli , da coloro che in futuro saranno i nuovi potenziali donatori.

Con l’autorizzazione della dirigente scolastica dell’istituto comprensivo di Montopoli in Valdarno Mariella Morelli e la collaborazione del corpo insegnante, lunedì 25 e martedì 26 abbiamo pertanto consegnato ai fiduciari delle scuole primarie di Angelica, Capanne, Marti, Montopoli e San Romano tutto il materiale previsto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.