Quantcast

Terremoto, non si ferma lo sciame sismico di Impruneta

Scosse avvertite dal 7 maggio fino alla mattina del 9 maggio

No ha dato tregua lo sciame sismico che ha coinvolto la zona di Impruneta e San Casciano. La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze segnala che alle ore 5.06 di lunedì 9 maggio la rete di monitoraggio dell’Ingv-Istituto nazionale della geofisica e vulcanologia ha registrato una scossa di magnitudo 2.7 alla profondità di 9 km, con epicentro a 3 km ad Est del comune di San Casciano. La scossa è stata avvertita dalla popolazione, ma da un primo riscontro con le sale operative di emergenza non si registrano criticità.
Successivamente alle 5.12 (Impruneta), alle 5.22 (San Casciano), alle 5.44, alle 6.22, alle 8.35 e alle 9.16 (a Impruneta) si sono verificate alcune scosse di magnitudo tra 2.4 e 2.2.

Domenica un’altra scossa era stata registrata alle 12.12, di magnitudo 2.3, alla profondità di 5 km, con epicentro a Impruneta, e poi nella notte tra domenica e lunedì alle 4.42 (di magnitudo 2.1). In sintesi, dalla mezzanotte del 7 maggio fino a domenica 8 maggio, sono state registrate 22 scosse, con epicentro tra i due comuni del Chianti.

La Città Metropolitana di Firenze invita i cittadini alla “consapevolezza del rischio”, prendendo tutte le precauzioni dal momento che è ormai noto che le zone di Impruneta, San Casciano in Val di Pesa e Greve in Chianti sono a rischio sismico. 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.