Quantcast

Sport e coraggio, Fucecchio premia i suoi “Leoni”

Più informazioni su

Bella festa questa mattina (2 ottobre) nella sala consiliare di Fucecchio per la consegna del Leone Rampante, il premio giunto quest’anno alla quattordicesima edizione. Il riconoscimento, attribuito dall’amministrazione comunale ai fucecchiesi che si sono distinti nell’anno in corso, è andato a Stefano Narducci, che a Megève, in Francia, si è laureato campione del mondo di tiro a volo, e ad Isakha Nokho, il giovane senegalese che contribuì a salvare la vita di un bambino durante i gravi incidenti accaduti lo scorso 3 giugno in Piazza San Carlo a Torino.

E’ stata una cerimonia toccante sia per le parole dei vincitori che per gli interventi degli ospiti, come quello del presidente regionale della Federazione di Tiro a Volo, Mario Nencioni, che ha ricordato tutto il percorso sportivo di Narducci o come quelle degli amici di Isaka Nokho come Leonardo Innocenti e delle persone che con questo ragazzo senegalese hanno condiviso momenti di crescita personale e professionale, come Marcella Gozzi (responsabile dell’InformaGiovani di Fucecchio) e Monica Canovai (responsabile settore ragazzi della Ludoteca “Albero Fatato”, dove Isakha Nokho svolge attualmente il servizio civile).
La cerimonia è stata introdotta dal sindaco Alessio Spinelli che ha ricordato la storia del premio, nato nel 2004, e il suo significato che è quello di condividere con tutta la comunità di Fucecchio i risultati e i gesti di alcuni cittadini che con la loro opera nel campo della cultura, delle arti, delle scienze, del lavoro, della politica, della filantropia, dello sport, del sociale e nella tutela dei diritti umani, si sono particolarmente distinti. “Oggi – ha sottolineato il sindaco Spinelli – è la giornata dei cittadini di Fucecchio con i quali vogliamo condividere il senso di corresponsabilità fra l’amministrazione comunale e la comunità in cui tutti noi viviamo”.
Le motivazioni del premio sono state poi spiegate dall’assessore alla cultura Daniele Cei che ha sottolineato sia il grande risultato sportivo di Stefano Narducci che il gesto di coraggio e altruismo di Isakha Nokho. Particolarmente emozionante anche il saluto di Don Andrea Cristiani, arciprete della Collegiata di Fucecchio, che ha sottolineato il valore inclusivo del premio che viene consegnato nel giorno di San Candido, patrono di Fucecchio.
La cerimonia è stata valorizzata dalla consegna di due encomi per meriti civili a due cittadine che hanno compiuto gesti meritevoli di essere sottolineati. Il sindaco Alessio Spinelli ha consegnato una pergamena e un mazzo di fiori ad Assunta De Stefano, una signora di Ponte a Cappiano che ad agosto è riuscita a persuadere e a salvare una donna che sembrava sul punto di gettarsi da una finestra e a Sandra Morini, una collaboratrice della scuola d’infanzia di Pinete che ha denunciato il ritrovamento di un’ingente somma di denaro poi riconsegnata al legittimo proprietario.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.