“Il ricambio dell’aria non è anti covid”, 45mila euro per il teatro Verdi di Santa Croce

Il Comune guarda al futuro e dispone un nuovo impianto meccanico per adempiere alle linee guida dell’istituto superiore di sanità

Cultura, a volte, vuol dire anche questo: investire in opere che apparentemente nulla hanno a che fare con le arti, ma che sono necessarie. E lo sono ancor di più se entra in gioco anche la salute: nel teatro comunale Giuseppe Verdi di Santa Croce sull’Arno sarà realizzato un nuovo impianto meccanico per il ricircolo dell’aria, in modo tale da rispettare le linee guida dell’Istituto superiore di sanità.

Un investimento da 45mila euro che si rende necessario per la continuazione delle attività culturali all’interno della struttura. Anche se le notizie sui vaccini contro il covid 19 fanno ben sperare, non è da escludere che ne avremo ancora per diversi mesi. Per questo l’importanza della “ripartenza” che sembra imminente si deve, per forza di cose, coniugare con la tutela della salute.

Si tratta di una completa ristrutturazione del sistema di trattamento dell’aria del teatro con la realizzazione di un nuovo impianto di ricambio e l’installazione di due recuperatori di calore nel sottotetto. Questi saranno completi di canalizzazioni per la distribuzione dell’aria e collegati con l’impianto termico esistente.

I lavori sono fondamentali alla luce delle linee guida dell’Istituto superiore di sanità per prevenire il contagio da Covid: vietato l’utilizzo del ricircolo dell’aria negli impianti di riscaldamento dei locali al chiuso e usare aria esterna di rinnovo. Un’adempienza che il teatro Verdi non poteva garantire perché le macchine termoventilanti esistenti usano tutto il ricircolo per riscaldare l’immobile. Fra non molto, comunque, dovrebbero partire i lavori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.