Quantcast

Strage del duomo a San Miniato, 77 anni fa lo scoppio dell’ordigno che uccise 55 civili foto

La commemorazione del Comune e della Diocesi

Una grande partecipazione alle celebrazioni del 22 luglio, il 77esimo anniversario delle vittime del Duomo, avvenuta il 22 luglio 1944, in cui persero la vita 55 persone. La mattinata, organizzata dal comune di San Miniato e dalla Diocesi nel chiostro dei Loggiati di San Domenico, si è aperta con i saluti delle autorità presenti, il presidente del consiglio comunale Vittorio Gasparri, il sindaco di San Miniato Simone Giglioli, il vescovo Andrea Migliavacca, il vice prefetto aggiunto Lorenzo Botti, il consigliere regionale Andrea Pieroni, il sindaco di Montopoli Giovanni Capecchi in rappresentanza della provincia di Pisa, Aurelio Frulli consigliere nazionale dell’associazione vittime civili di guerra e il consigliere comunale delegato alla memoria Michele Fiaschi.

Dopo i saluti nel momento esatto dello scoppio dell’ordigno, alle 10, è stato osservato un minuto di silenzio mentre le campane della chiesa suonavano.

La cerimonia è proseguita poi in un lungo corteo che ha sfilato per le vie del centro fino ad arrivare in piazza del Duomo dove è stata deposta la corona di alloro in ricordo delle vittime da parte del Comune e un’altra corona offerta dalla presidenza nazionale dell’associazione vittime civili di guerra, per ricordare i 55 civili che persero la vita. A chiudere la mattinata è stata la messa di suffragio in Cattedrale celebrata dal vescovo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.