A lezione dai tedeschi per integrare scuola e lavoro foto

San Miniato si conferma città aperta alle relazioni internazionali. Le Ultime che sono state allacciate, riguardano la delegazione tedesca giunta della città amica di Apolda, guidata da Gisela Heubach, direttrice del Centro regionale di Erfurt per i progetti europei e per la mobilità dei giovani, nell’ambito di esperienze di alternanza scuola lavoro.

Proprio questa tematica è stata l’oggetto principale dei colloqui avvenuti durante la visita, nell’ambito della quale è stata organizzata dalle professoresse Beate Schnok ed Elena Marianelli, alla presenza del dirigente scolastico dell’Istituto Cattaneo Alessandro Frosini, la presentazione del modello duale di alternanza scuola lavoro praticato in Germania. Alla delegazione tedesca, composta anche dall’insegnante Regina Bauer e dal tecnico specializzato Reinhard Urban, è stata fatta conoscere la realtà del Poteco, una vera eccellenza locale in materia di formazione professionale dei giovani, che da anni collabora proficuamente con l’Istituto Cattaneo. Al Poteco la delegazione è stata ricevuta dal presidente Osvaldo Ciaponi, dall’amministratore delegato Leonardo Volpi e dal direttore Domenico Castiello, col supporto della professoressa Maesano dell’Istituto Cattaneo. Tra San Miniato ed Apolda sono tanti ad oggi i progetti che stanno avanzando e le opportunità di formazione per i giovani si stanno rivelando una delle cose più interessanti, ultima in ordine di tempo quella del giovane Pietro Maltinti, neo laureato in agraria, che ha fatto una esperienza di lavoro e di perfezionamento della lingua tedesca nella grande fabbrica della birra di Apolda, ed è rientrato a San Miniato al seguito della delegazione arrivata la scorsa settimana. Inoltre durante la visita sono nati nuovi contatti e sono state allacciate nuove relazioni con le realtà associative e culturali locali, nell’ambito di una serie di incontri avvenuti presso la sede dell’Associazione La Stazione.
“San Miniato si conferma un Comune nel mondo – dichiara l’assessore con delega ai gemellaggi Giacomo Gozzini – secondo quella che è l’idea, portata avanti da molti anni, di una politica che non può esaurirsi con i confini amministrativi dell’ente, ma che deve saper guardare molto più lontano per favorire sul territorio tutte quelle dinamiche e attrarre tutte quelle opportunità che solo un’efficace azione di cooperazione europea e internazionale può comportate”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.